La liberazione dell’Ucraina prosegue con ottimi risultati

In questo mese, l'Ucraina ha riconquistato 3.000 chilometri quadrati di territorio. Liberati oltre venti insediamenti nelle ultime 24 ore.

- Advertisement -

Lo Stato Maggiore delle Forze Armate dell’Ucraina ha comunicato di aver riconquistato oltre venti insediamenti occupati dai russi nelle ultime 24 ore: «Le forze ucraine continuano a liberare dagli invasori russi gli insediamenti nelle regioni di Kharkiv e Donetsk. Il nemico continua ad attaccare le posizioni ucraine, conducendo ricognizioni aeree e tentando di prendere misure per riguadagnare terreno. Secondo le informazioni disponibili, la 810ma Brigata di fanteria navale russa ha perso quasi l’85% dei suoi uomini. Altri militari russi hanno il morale e lo stato psicologico estremamente bassi, e molti di loro si rifiutano di tornare nell’area delle ostilità».

Le forze ucraine hanno raggiunto il confine russo. In particolare, hanno raggiunto Hoptivka, un valico di frontiera nella regione di Kharkiv. KupianskBalakliyaIzyum, città strategiche della regione di Kharkiv, sono state liberate dall’invasore dopo 200 giorni dall’inizio delle operazioni militari ordinate da Vladimir Putin. Secondo il comandante in capo delle forze armate ucraine, Valeriy Zaluzhny, in questo mese l’Ucraina ha riconquistato oltre 3.000 chilometri quadrati di territorio. Sono in corso battaglie di posizione, con conseguente avanzata delle truppe e consolidamento dei territori.

L’esercito della Federazione Russa combatte con l’artiglieria, cercando di evitare il contatto diretto. Le forze russe hanno lanciato ieri 20 attacchi aerei sulle posizioni ucraine lungo la linea di contatto e sui territori adiacenti. In risposta, le truppe ucraine hanno colpito le aree vicine a Nova Kakhovka e Prydniprovske con la maggiore presenza di uomini e armi, così come i depositi di munizioni vicini alla città di Kherson. L’aeronautica ucraina ha abbattuto un cacciabombardiere russo Su-34.

Oggi le forze russe hanno bombardato la riva di Kupiansk, nella regione di Kharkiv, che ieri Kiev aveva annunciato di aver riconquistato. Secondo Vadym Krokhmal, membro del Consiglio comunale, «Kupiansk è divisa in due metà dal fiume Oskil. Oggi, sulla sponda destra, dove si trova il centro città, la situazione non è facile, ma la zona è già completamente controllata dai nostri militari. Ci sono stati bombardamenti dei sistemi antiaerei».

Il Cremlino ha licenziato il comandante del Distretto militare occidentale della Russia, il tenente generale Roman Berdnikov. Il comandante ceceno Ramzan Kadyrov ha annunciato il ritorno delle unità speciali d’élite sul campo di battaglia ucraino: «Io, Ramzan Kadyrov, dichiaro ufficialmente che tutte queste città (Izyum, Kupiansk e Balakliya) saranno riconquistate. La nostra gente è già lì, i ragazzi sono addestrati per questo lavoro, altri 10.000 combattenti sono pronti a partire. E raggiungeremo Odessa nel prossimo futuro».

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Metsola: «Fornire armi pesanti e tank all’Ucraina»

Continua ad inasprirsi la posizione dell'Unione Europea nei confronti della Federazione Russa. «L'Ucraina necessita di armi pesanti e carri armati. Gli Stati membri possono fornirle...

L’impegno dell’Italia a difesa della cultura ucraina

Pubblichiamo un estratto dell'intervento del ministro della Cultura, Dario Franceschini, alla Commissioni Cultura ed Esteri della Camera dei Deputati. Franceschini ha riportato le azioni...

Guerra, il contributo militare dell’Italia

Durante l'audizione alla Camera dei Deputati di ieri, il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, ha parlato del contributo militare dell'Italia nella crisi...

La corte penale internazionale indaga su presunti crimini di guerra

La Corte penale internazionale ha annunciato che 39 Stati membri hanno presentato un referral, cioè una segnalazione di crimini al Procuratore, sulla situazione Ucraina. Gli Stati...

Cina: «Pronti a iniziare una guerra per Taiwan»

Wu Qian, portavoce del ministero della Difesa cinese Weu Fenghe, durante un incontro avuto con il capo del Pentagono Lloyd Austin ha dichiarato: «La...

SOCIAL