Nigeria, in aumento le mutilazioni genitali femminili

Secondo UNICEF, le mutilazioni genitali femminili tra le ragazze nigeriane con età compresa tra 0 e 14 anni sono del 16,9%.

- Advertisement -

Secondo l’UNICEF, le mutilazioni genitali femminili stanno aumentando tra le ragazze nigeriane con età compresa tra 0 e 14 anni. I casi sono aumentati dal 16,9% del 2013 al 19,2% del 2018. La diffusione a livello nazionale delle mutilazioni genitali femminili in Nigeria, nelle donne con età compresa fra i 15 e i 49 anni, è diminuita dal 25% del 2013 al 20% del 2018. Tuttavia, l’aumento dei casi tra le ragazze è molto preoccupante. I dati sono stati forniti ad UNICEF dal Nigeria Demographic and Health Survey.

Le mutilazioni genitali femminili rimangono molto diffuse in Nigeria. Sono circa 19,9 milioni le donne sopravvissute alla pratica. Il Paese ha il terzo numero più elevato di donne sottoposte a questa pratica nel mondo. La percentuale di donne che hanno subito mutilazioni genitali prima dei 5 anni è stimata essere dell’86%. L’8% delle vittime ha subito la pratica tra i 5 e i 14 anni. Nel mondo, 68 milioni di ragazze rischia di subire una mutilazione genitale tra il 2015 e il 2030.

Una pratica profondamente pericolosa

Milioni di ragazze vengono private della loro infanzia, della salute, dell’istruzione e delle proprie aspirazioni ogni giorno a causa di pratiche dannose come le mutilazioni genitali femminili“, ha dichiarato Peter Hawkins, Rappresentante dell’UNICEF in Nigeria. “Questa pratica non solo non ha nessun beneficio in termini di salute, ma è profondamente pericolosa per ragazze e donne, sia fisicamente che psicologicamente. È una pratica che non può esistere nella nostra società di oggi e dobbiamo porle fine, visto che molte comunità nigeriane si sono già impegnate a farlo“, ha continuato Hawkins.

L’UNICEF sta avviando un movimento su base comunitaria per eliminare le mutilazioni genitali femminili in cinque stati in Nigeria: EbonyiEkiti, ImoOsun e Oyo. Circa 3 milioni di donne hanno subito la pratica in questi Stati negli ultimi cinque anni.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Iraq: 519 bambini morti o feriti da ordigni in 5 anni

Negli ultimi 5 anni, 519 bambini sono stati uccisi o feriti in Iraq a causa di ordigni esplosivi. Oltre l’80% dei bambini colpiti erano...

Etiopia: 6,8 milioni di persone in pericolo a causa della siccità

Tre stagioni di carenza di piogge hanno portato a una grave siccità nelle regioni pianeggianti dell'Etiopia. Pozzi d'acqua prosciugati, conseguente morte del bestiame e...

Guerra, l’accoglienza dei profughi a Valico Fernetti

Save the Children e UNICEF sono impegnate da giorni nell'assistenza di bambine, bambini e adolescenti e delle loro famiglie in arrivo al valico Fernetti dall'Ucraina....

Siria, 13mila bambini uccisi o feriti in 11 anni

Sono passati 11 anni dall'inizio della guerra in Siria. In totale, il numero di bambini uccisi o feriti dall'inizio della crisi è di 13.000. Solo lo...

Pandemia, due terzi delle famiglie con bambini hanno perso reddito

Due terzi delle famiglie con bambini hanno perso reddito dall'inizio della pandemia da COVID-19. Lo rivela un rapporto realizzato da UNICEF e dalla Banca Mondiale. Un'analisi...

SOCIAL