mercoledì, Aprile 17, 2024

Ucraina, bombe russe a 150 metri da Zelensky e Mitsotakis

Bombe a circa 150 metri dal convoglio di auto che trasportava il presidente dell'Ucraina Zelensky e il primo ministro greco, Mitsotakis.

Condividi

Forti esplosioni sono state segnalate oggi a Odessa, a circa 150 metri dal convoglio di auto che trasportava il presidente dell’Ucraina, Volodymyr Zelensky, e il primo ministro greco, Kyriakos Mitsotakis. L’esplosione è avvenuta vicino al porto della città ed è stata preceduta da un allarme aereo. Mitsotakis è arrivato oggi a Odessa per incontrare Zelensky. Secondo la televisione privata SKAI, le esplosioni provengono da un drone russo. Fonti governative greche hanno dichiarato che Mitsotakis e tutti i membri della sua delegazione sono in buona salute, mentre pochi minuti dopo l’incidente Mitsotakis e Zelensky hanno tenuto il loro incontro come da programma.

«Abbiamo sentito e visto questo attacco oggi. Vedete con chi abbiamo a che fare. A loro non importa dove colpire. So che ci sono state delle vittime. Non conosco i dettagli, ma so che ci sono morti e feriti», ha detto Zelensky nella conferenza stampa con il premier greco. «Alla fine della visita, abbiamo sentito il suono delle sirene dei raid aerei e delle esplosioni molto vicino a noi. Non abbiamo avuto il tempo di andare nei rifugi», ha affermato Mitsotakis.

«Condanno fermamente il vile attacco contro Odessa da parte della Russia durante la visita di Volodymyr Zelensky e Kyriakos Mitsotakis. Nessuno è intimidito da questo nuovo tentativo di terrorismo, certamente non i due leader sul campo né il coraggioso popolo ucraino. Più che mai, siamo al fianco dell’Ucraina», ha scritto su X la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen.

«L’attacco a Odessa durante la visita del presidente Volodymyr Zelensky e del primo ministro Kyriakos Mitsotakis è un altro segno delle tattiche vigliacche della Russia nella sua guerra di aggressione contro l’Ucraina. Ciò è riprovevole e addirittura al di sotto delle regole del Cremlino. Il pieno sostegno dell’Ue all’Ucraina e al suo popolo coraggioso non vacillerà», ha scritto il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel.

«I droni russi a Odessa contro il corteo delle auto di Zelensky e del premier greco Mitsotakis. Erano insieme per commemorare le vittime di un altro attacco russo. Vergogna!», ha aggiunto il commissario Ue all’Economia, Paolo Gentiloni.

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Sullo stesso argomento

Simili

Dello stesso autore