Le catastrofi climatiche in Madagascar

Il ciclone Batsirai si è abbattuto sul Madagascar causando 70.000 sfollati. È la seconda tempesta che colpisce il paese in due settimane.

- Advertisement -

Lo scorso fine settimana, il ciclone Batsirai si è abbattuto sul Madagascar, provocando più di 70.000 sfollati, distruggendo centinaia di scuole e di centri sanitari e danneggiando le strade. Si tratta della seconda grande tempesta che colpisce il paese in due settimane. Pochi giorni prima, la tempesta tropicale Ana aveva colpito alcune parti del Madagascar, del Mozambico, dello Zimbabwe e del Malawi.

La tempesta Ana ha provocato danni a più di 870.000 persone. Il bilancio delle vittime di Batsirai è attualmente di 111 persone. Metà degli sfollati sono bambini. Molti di essi si trovano in rifugi gestiti dal governo. Il Madagascar stava già affrontando una grande siccità nel sud del paese. Il 77% della popolazione vive con meno di 1 dollaro al giorno.

Il Rappresentante dell’UNICEF in Madagascar, Jean Francois Basse, ha dichiarato che “decine di scuole e centri medici sono stati danneggiati o distrutti da Batsirai, con un impatto diretto sulla vita dei bambini. Nel rispondere a questa emergenza, dobbiamo affrontare i bisogni immediati. È anche necessario pianificare a lungo termine costruendo meglio, anche con edifici più resistenti. Le nostre squadre sul campo stanno lavorando fianco a fianco con i partner del governo per assistere le persone colpite più seriamente da questa crisi. Con i danni che colpiscono un’area così vasta, dobbiamo assicurarci che ci sia equità nella risposta e che nessuno sia lasciato indietro. Non conosciamo ancora bene la portata di questa crisi, ma è chiaro che ricostruire vite e infrastrutture richiederà sforzi intensi“.

Secondo UNICEF, tra i bisogni più urgenti ci sono acqua sicura e servizi igienici adeguati per evitare l’insorgere di malattie trasmesse dall’acqua. Fondamentale anche aumentare le forniture di medicinali, cibo, utensili per cucinare e altri articoli domestici di base per la sopravvivenza.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Il fiume Muluia muore nel deserto

Era il fiume più lungo del Marocco. 600 kilometri di percorso, da Midelt fino a Saidia per poi sfociare nel Mediterraneo. Ora il fiume...

Etiopia: 6,8 milioni di persone in pericolo a causa della siccità

Tre stagioni di carenza di piogge hanno portato a una grave siccità nelle regioni pianeggianti dell'Etiopia. Pozzi d'acqua prosciugati, conseguente morte del bestiame e...

Nel 2022 in Italia gli eventi meteo-idrogeologici sono aumentati del 55%

Il 2022 è stato un anno molto difficile per il clima, un anno segnato da un aumento degli eventi meteo-idrogeologici che hanno provocato danni e...

Pandemia, due terzi delle famiglie con bambini hanno perso reddito

Due terzi delle famiglie con bambini hanno perso reddito dall'inizio della pandemia da COVID-19. Lo rivela un rapporto realizzato da UNICEF e dalla Banca Mondiale. Un'analisi...

Ucraina: 4,5 milioni di bambini sfollati

Secondo l'UNICEF, 4,5 milioni di bambini ucraini sono sfollati. Si tratta di più della metà dei bambini ucraini, il cui numero è stimato in 7,5...

SOCIAL