Bucha, Ucraina: civili massacrati e cadaveri nelle fosse comuni

A Bucha i corpi di persone con le mani legate, uccise a colpi di arma da fuoco da soldati russi, giacciono per le strade.

Le forze di occupazione russe avrebbero compiuto una terribile strage a Bucha, in Ucraina. Nella città, liberata dall’esercito ucraino, le strade sono disseminate di cadaveri di civili. Cinquantasette corpi sono stati trovati in una fossa comune. Una dozzina di corpi erano visibili, alcuni solo parzialmente sepolti. Secondo il ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, le truppe di occupazione non sono riuscite a nascondere i corpi delle vittime prima della ritirata. “I russi mirano a eliminare il maggior numero possibile di ucraini. Dobbiamo fermarli e cacciarli. Chiedo ora nuove devastanti sanzioni del G7“, ha scritto Kuleba su Twitter. In particolare, il ministro ha chiesto un embargo sul petrolio, gas e carbone, la chiusura di tutti i porti alle navi e ai beni russi e la disconnessione di tutte le banche russe dal circuito Swift.

La Russia è peggio dell’Isis“, ha aggiunto Kuleba in un’intervista all’emittente radio Times Uk. “Urge che la Corte penale internazionale ed altre organizzazioni inviino missioni a Bucha e nelle altre città e villaggi liberati della regione di Kiev per lavorare con la polizia ucraina nella raccolta di ogni possibile evidenza dei crimini di guerra russi.

Tra le persone morte ci sono donne violentate che i russi hanno cercato di bruciare, rappresentanti del governo locale, bambini, anziani, uomini. In molti casi i loro corpi sono stati trovati con mani legate, presentano inoltre segni di tortura e sono stati uccisi con un colpo alla tempia. Abbiamo già parlato abbastanza dei saccheggi di beni elettronici, dei gioielli e così via. Tutto questo verrà preso in considerazione sia dalla procura ucraina che dai tribunali internazionali. Non do altre notizie per oggi. Il mondo si deve rendere conto di ciò che è successo a Bucha, Irpin, Hostomel. E purtroppo credo anche nelle altre città ucraine, dove la situazione non è migliore. Ma noi faremo di tutto per trovare e punire i criminali“, ha scritto su Telegram Oleksiy Arestovich, consigliere dell’ufficio del presidente Zelensky.

I cadaveri nelle fosse comuni sarebbero più di trecento. “Questo è un genocidio. L’eliminazione dell’intera Nazione e del popolo. Abbiamo più di 100 nazionalità. Si tratta della distruzione e dello sterminio di tutte queste nazionalità“, ha detto in un’intervista alla Cbs il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “Bucha, regione di Kiev. I corpi di persone con le mani legate, uccise a colpi di arma da fuoco da soldati russi, giacciono per le strade. Queste persone non erano nell’esercito. Non avevano armi. Non rappresentavano una minaccia. Quanti altri casi simili stanno accadendo in questo momento nei territori occupati?“, ha scritto su Twitter il consigliere del presidente ucraino Mykhaylo Podolyak.

“Abbiamo documentato un evidente caso di esecuzione sommaria da parte delle forze armate della Federazione Russa a Bucha il 4 marzo scorso“, ha affermato una portavoce di Human Rights Watch. “I nemici hanno usato i bambini ucraini come scudi umani quando spostavano i loro convogli. I soldati russi hanno usato i bambini ucraini come ostaggi, caricandoli sui loro camion per proteggere i loro veicoli durante gli spostamenti“. Lo ha dichiarato il colonnello Oleksandr Motuzyanyk, portavoce del ministero della Difesa ucraino.

IMMAGINI NON ADATTE AD UN PUBBLICO SENSIBILE

Articoli Simili

Related articles