Cina: «Pronti a iniziare una guerra per Taiwan»

Il ministero della Difesa cinese: «Se qualcuno osa dividere Taiwan dalla Cina, l'esercito inizierà una guerra. Taiwan è parte della Cina».

- Advertisement -

Wu Qian, portavoce del ministero della Difesa cinese Weu Fenghe, durante un incontro avuto con il capo del Pentagono Lloyd Austin ha dichiarato: «La Cina non esiterà a iniziare una guerra se Taiwan dichiarerà l’indipendenza. Se qualcuno osa dividere Taiwan dalla Cina, l’esercito cinese non esiterà a iniziare una guerra a qualunque costo. Taiwan è parte della Cina. Il principio della Unica Cina è il fondamento politico delle relazioni sino-americane. È impossibile usare Taiwan per controllare la Cina. Allo stato il tema della pace e dello sviluppo sta affrontando gravi sfide».

«Gli USA devono considerare lo sviluppo e la crescita della Cina in modo razionale, non attaccarla e diffamarla», ha proseguito Wu Qian. «Gli USA non devono contenere e sopprimere la Cina. Non devono interferire nei suoi affari interni o danneggiare i suoi interessi. Solo in questo modo le relazioni bilaterali possono essere migliorate. I rapporti tra militari sono fondamentali per lo sviluppo delle relazioni bilaterali. Le due forze armate dovrebbero evitare conflitti e confronti e dovrebbero incentivare l’importante consenso raggiunto dai due capi di Stato. I militari dovrebbero, inoltre, mantenere una comunicazione strategica di alto livello, rafforzare la fiducia reciproca strategica, gestire e controllare i conflitti e le differenze».

La replica degli Stati Uniti

Il Capo del Pentagono, Lloyd Austin, ha dichiarato: «Stiamo assistendo a una crescente coercizione da parte di Pechino. Abbiamo assistito a un costante aumento delle attività militari provocatorie e destabilizzanti vicino a Taiwan. Pechino deve astenersi da ulteriori azioni destabilizzanti nei confronti di Taiwan. Vi è la necessità di gestire in modo responsabile la competizione e di mantenere aperte le linee di comunicazione. L’Esercito popolare di liberazione cinese deve quindi impegnarsi in un dialogo concreto per migliorare le comunicazioni nelle crisi e ridurre il rischio strategico».

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Il ruolo dell’Eritrea nella guerra in Tigray

La Global Society of Tigray Scholars and Professionals ha inviato una lettera all'Alto Rappresentante dell'Unione Europea per gli Affari Esteri e la Politica di...

Metsola: «Fornire armi pesanti e tank all’Ucraina»

Continua ad inasprirsi la posizione dell'Unione Europea nei confronti della Federazione Russa. «L'Ucraina necessita di armi pesanti e carri armati. Gli Stati membri possono fornirle...

Volano missili nel Mar del Giappone

Ieri la Corea del Nord ha effettuato il primo test balistico dopo otto mesi. La Corea del Sud e gli Stati Uniti hanno risposto...

Ucraina, Izyum: le immagini del massacro

A Izyum l'esercito ucraino, che ha da pochi giorni riconquistato la città, ha rinvenuto più di 440 cadaveri "sepolti" dall'esercito della Federazione russa in...

Guerra: la politica energetica e alimentare italiana

Nel corso dell'informativa resa dal Presidente del Consiglio, Mario Draghi, al Senato della Repubblica sui recenti sviluppi della guerra tra Russia e Ucraina, il Presidente...

SOCIAL