Consiglio Supremo di Difesa: necessario agire con forza

Il Consiglio Supremo di Difesa: intervenire con forza affinché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre.

- Advertisement -

Nel pomeriggio, l Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha presieduto la riunione del Consiglio Supremo di Difesa. Alla riunione hanno partecipato il Presidente del Consiglio dei Ministri, i Ministri degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, dell’Interno, della Difesa, dell’Economia e delle Finanze e dello Sviluppo Economico e il Capo di Stato Maggiore della Difesa. Hanno presenziato anche il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, il Segretario Generale della Presidenza della Repubblica, il Consigliere per Consiglio Supremo di Difesa.

Il comunicato

Il Consiglio Supremo di Difesa esprime la più ferma condanna per l’ingiustificabile aggressione militare lanciata dalla Federazione Russa contro l’Ucraina. Essa rappresenta una grave e inaccettabile violazione del diritto internazionale e una concreta minaccia alla sicurezza e alla stabilità globali. La Repubblica Italiana chiede alla Federazione Russa l’immediata cessazione delle ostilità e il ritiro delle forze fuori dai confini internazionalmente riconosciuti dell’Ucraina.

L’Italia ribadisce il pieno sostegno all’indipendenza e all’integrità territoriale dell’Ucraina, Paese europeo amico e democrazia colpita nella sua sovranità. La Repubblica Italiana esprime massima vicinanza e solidarietà al popolo ucraino e alle sue legittime Istituzioni, alle vittime e alle tante persone che ne soffriranno le conseguenze. Nell’affrontare la crisi in atto, l’Italia manterrà uno stretto raccordo con i propri partner in tutti i principali consessi internazionali. Insieme con i paesi membri dell’UE e gli alleati della NATO è indispensabile rispondere con unità, tempestività e determinazione. L’imposizione alla Federazione Russa di misure severe vede quindi l’Italia agire convintamente nel quadro del coordinamento in seno all’Unione Europea.

Perché l’Europa non precipiti improvvisamente in un vortice di guerre, è necessario agire con forza e lungimiranza per ristabilire il primato del diritto internazionale e la salvaguardia dei principi e dei valori che hanno garantito pace e stabilità al nostro continente.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Mario Draghi: impossibile il dialogo con la Russia

Il Presidente del Consiglio dei Ministri, Mario Draghi, ha rilasciato delle dichiarazioni di aggiornamento alla stampa al termine del Consiglio dei Ministri, presso la...

Joe Biden: “Processare Putin per crimini di guerra”

Il presidente degli Stati Uniti d'America, Joe Biden, ha chiesto l'avvio di un processo per crimini di guerra nei confronti del presidente della Federazione Russa...

Eni ha aperto un conto in rubli per pagare il gas russo

Il 30 aprile scorso il presidente della Federazione Russa, Vladimir Putin, ha firmato un decreto che impone alle società energetiche europee l'apertura di un...

Mattarella: “Fermare le guerre, affermare le ragioni della civiltà umana”

Pubblichiamo integralmente il messaggio inviato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione della Giornata internazionale per l’azione contro le mine e gli ordigni...

Siria: 6,5 milioni di bambini hanno bisogno di aiuto

Oltre 6,5 milioni di bambini in Siria hanno bisogno di assistenza, il numero più alto registrato dall'inizio della guerra, oltre 11 anni fa. Lo comunica...

SOCIAL