Guerra in Tigray: il ruolo dell’Unione Africana

Il messaggio della GSTS in occasione della Giornata dell'Africa: «L'Unione Africana è uno scudo per i dittatori».

In occasione della Giornata dell’Africa, la Global Society of Tigray Scholars and Professionals (GSTS) invita tutti gli africani a dire no al genocidio sul Tigray.
«Noi della GSTS commemoriamo il 59° anniversario della fondazione dell’Organizzazione dell’Unità Africana (OUA), un precursore dell’Unione Africana (UA). Il 25 maggio 1963, i Capi di Stato africani si riunirono ad Addis Abeba, in Etiopia, per adottare la Carta dell’OUA. La Carta racchiudeva l’ambizione di promuovere l’unità e la solidarietà delle persone in tutta l’Africa, affinché gli Stati intensificassero i loro sforzi per ottenere una vita migliore per i loro popoli. Quasi sessant’anni dopo, l’ottimismo che circonda queste parole e gli obiettivi prefissati devono essere messi a confronto con ciò che è stato realizzato e con i fallimentari tentativi di soddisfare le aspettative.

Tigrini di ogni estrazione politica si impegneranno in queste discussioni in modo costruttivo e lavoreranno per costruire un’Africa migliore. I tigrini sono orgogliosi della loro eredità africana. Fondarono una delle prime civiltà africane, il regno di Axum. Il Cristianesimo e l’Islam furono accolti e misero radici nel Tigray prima di espandersi in altre parti dell’Etiopia. Il Tigray è una parte importante del mosaico storico, culturale, spirituale e politico africano. I tigrini hanno una lunga storia di resistenza contro il colonialismo che simboleggia la lotta collettiva dei popoli dell’Africa per liberarsi dalla dominazione e dallo sfruttamento straniero».

Il silenzio dell’Unione Africana sul conflitto in Tigray

«In quanto porta d’accesso all’Etiopia dal mondo, tutte le principali guerre anticoloniali furono combattute e respinte nel Tigray. Il popolo tigrino salvaguardò l’indipendenza dell’Etiopia. Fu motivo di orgoglio per gli africani e per i neri di tutto il mondo. La battaglia di Adua contro l’Italia coloniale nel 1896 ebbe luogo nel Tigray. Nonostante il suo glorioso passato e il contributo all’attuale Etiopia e all’Africa, il Tigray sta soffrendo oggi. La gente del Tigray sta sanguinando e sta vivendo un genocidio. Dal 4 novembre 2020, il Tigray è l’epicentro della guerra più grande e mortale del mondo. Sì, più grande anche di quanto sta avvenendo in Ucraina e nel resto del mondo.

Le forze etiopi ed eritree, insieme a quelle Amhara e di altre forze regionali, sostenute da massicce forniture di armi e droni armati da Emirati Arabi Uniti, Turchia, Iran, Israele, Russia e Cina, hanno condotto una guerra totale al popolo del Tigray. Questo è stato ignorato nelle discussioni e nei comunicati stampa provenienti dall’UA, come se la guerra civile stesse accadendo in qualche parte lontana del mondo.

Il ruolo della Global Society of Tigray Scholars and Professionals

«GSTS è un Global Knowledge Network autonomo e apartitico legalmente registrato. È composto da oltre 5.000 studiosi e professionisti del Tigray. Ha l’obiettivo di creare un’economia e una società basate sulla conoscenza. In Tigray e non solo. Rappresenta il mondo accademico, la ricerca multidisciplinare e intersettoriale, lo sviluppo del capitale umano, la promozione e il progresso della scienza, della tecnologia e dell’innovazione, il trasferimento di tecnologia e conoscenza, lo sviluppo dei giovani. Opera anche nella promozione dell’istruzione e collabora con varie parti interessate alla promozione della pace, del buon governo, dei diritti umani e delle attività umanitarie.

Ad aprile 2022, circa 500.000 persone sono morte per una combinazione di cause: guerra, fame causata dall’uomo e malattie prevenibili. Mentre i Capi di Stato erano ad Addis Abeba nel febbraio 2022, la guerra era ancora forte. Il blocco del Tigray, che ogni giorno uccideva civili innocenti, la maggior parte dei quali erano bambini, donne e anziani, era in corso. Ma i Capi di Stato non hanno menzionato il Tigray. C’è stato spazio solo per i luoghi comuni sull’unità africana, il governo e il multilateralismo. Al primo ministro etiope è stata dato spazio per rivendicare la vittimizzazione inflitta da forze e attori esterni che rendono difficile la risoluzione delle questioni interne».

Le azioni di Moussa Faki Mahamat

«Viene da chiedersi cosa direbbero i grandi Stati africani del passato di questo spettacolo triste nel cuore dell’arena politica africana? Cosa penserebbe Nkrumah di questo circo? Cosa direbbe Mandela dell’indifferenza alla sofferenza mostrata da questi “dignitari”? E Cosa penserebbe Nyrere dell’Unione Africana? Cosa direbbe Ruth First, che ha pagato il prezzo più alto combattendo contro l’Apartheid in Sudafrica? Cosa direbbero i leader dei 32 stati che hanno creato l’OUA quando l’organizzazione viene utilizzata come copertura per crimini eclatanti che i leader africani commettono contro il loro popolo? Senza dubbio, sosterrebbero collettivamente la profonda affermazione di Martin Luther King: L’ingiustizia che si verifica in un luogo minaccia la giustizia ovunque“. Si stanno rivoltando nelle loro tombe! Cosa significa la Giornata dell’Africa per i tigrini? Tradimento e speranza.

Perché tradimento? Nei suoi 5 anni come capo dell’UA, è diventato chiaro che il signor Moussa Faki Mahamat non è riuscito ad essere all’altezza degli ideali dell’Unione africana e dei suddetti giganti. È diventato chiaro che non possiede il coraggio politico né l’attitudine umanitaria per mettere al primo posto la pace e per intraprendere la strada verso una soluzione pacifica della guerra e per la guarigione di coloro che stanno soffrendo nel Tigray e altrove in Etiopia. Purtroppo, durante questa guerra, Mahamat ha preso in parola il primo ministro etiope, Abiy Ahmed, dicendo che “l’Etiopia ha intrapreso un’azione militare “legittima” nella sua provincia del Tigray per preservare l’unità e la stabilità del paese“.

Nel frattempo, già nel dicembre 2020 stavano uscendo notizie secondo cui migliaia di tigrini erano stati uccisi da etiopi/eritrei e dalle loro forze alleate e che si stavano verificando stupri e violenze sessuali su vasta scala e sistematici».

La complicità dell’Unione Africana

«Gli stati membri dell’UA sono diventati spettatori, osservando il genocidio nel paese che ospita la sede dell’UA. La crisi del Tigray è una chiara e tragica dimostrazione di quanto potenti individui e istituzioni africane possano lavorare contro gli interessi delle persone che affermano di rappresentare. Ha anche amplificato la profonda crisi nell’immaginario africano – uno scontro tra l’ottimismo sulla necessità di uno sviluppo africana e il pessimismo generato dall’apatia e dalla mancanza di forza morale dell’attuale leadership in tutto il continente. Testimonia anche chiaramente come l’UA venga usata come scudo per i dittatori africani che commettono crimini efferati contro il loro popolo.

La giornata dell’Africa rappresenta anche la speranza per i Tigrini. Una serie di organizzazioni della società civile e singoli africani hanno espresso il loro orrore per il genocidio del Tigray e hanno preso posizione in solidarietà con il popolo del Tigray. Di fronte al totale blackout dei media e alla disinformazione da parte dei media nazionali e internazionali, molti hanno parlato risolutamente per una fine pacifica di questa crisi nel Tigray e in Etiopia. Ringraziamo l’Associazione degli avvocati africani e altre istituzioni e individui che finora hanno fatto un eloquente e sentito appello alla giustizia nel Tigray».

Alberto Pizzolante

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Articoli Simili

Related articles