Chi è Marcello Pera, candidato del centrodestra al Quirinale

Professore di filosofia ed esperto di Karl Popper, Marcello Pera è stato presidente del Senato della Repubblica e senatore di Forza Italia.

- Advertisement -

Nel pomeriggio di martedì, i partiti di centrodestra (Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia) hanno presentato una rosa di tre nomi candidabili alla Presidenza della Repubblica. Le figure adatte a ricoprire il ruolo di Capo dello Stato, secondo Salvini, Meloni e Tajani, sono Letizia Moratti, Marcello Pera e Carlo Nordio.

Marcello Pera nasce a Lucca nel 1943. Allievo di Francesco Barone, è stato professore straordinario di Filosofia teoretica a Catania e professore ordinario di Filosofia della scienza a Pisa. Esperto del pensiero di Karl Popper, è teorizzatore della “società aperta”. È membro del Comitato scientifico dell’Associazione “Fondazione Karl Popper”. Ha collaborato con il Corriere della Sera, Il Messaggero, La Stampa, L’Espresso e Panorama e ha pubblicato numerosi saggi.

Dopo aver militato nel Partito Socialista Italiano, nel 1994 entra in Forza Italia, di cui diventa vicepresidente e responsabile del dipartimento Giustizia. È senatore con Forza Italia, il Popolo delle Libertà e con la Casa delle Libertà dal 1996 al 2013. Ha presieduto il Senato della Repubblica dal 2001 al 2006. Nel novembre 2018, viene nominato presidente del Comitato storico-scientifico per gli anniversari di interesse nazionale istituito presso la presidenza del Consiglio.

Nel discorso di insediamento alla Presidenza del Senato, ha dichiarato: “Questo è il nucleo della democrazia. […] Non è soltanto il governo del popolo, la democrazia. Non è neppure soltanto il governo delle regole o della legge: è qualcosa di più difficile, ma anche di più esaltante. La democrazia è quel regime di governo che permette a chi si oppone di sostituire pacificamente chi prende le decisioni a nome della maggioranza. Per questo la democrazia o lo strumento della democrazia non è soltanto il voto, ma l’argomentazione, il discorso, il confronto. Per sostituire chi governa, prima di votare occorre confutare e criticare. Allo stesso modo per governare occorre argomentare e convincere“.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Il discorso di fine anno del Presidente della Repubblica

Pubblichiamo il testo integrale del discorso di fine anno del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Care concittadine, cari concittadini, ho sempre vissuto questo tradizionale appuntamento di fine anno con molto coinvolgimento e...

Chi è Andrea Riccardi, candidato del centrosinistra al Quirinale

È Andrea Riccardi il successore ideale di Sergio Mattarella alla Presidenza della Repubblica, secondo il centrosinistra. Il segretario del Partito Democratico, Enrico Letta, intervenendo...

Un ddl per vietare la rieleggibilità del presidente della Repubblica

I senatori del Partito Democratico Dario Parrini, Luigi Zanda e Gianclaudio Bressa hanno depositato un disegno di legge costituzionale per vietare la rieleggibilità del presidente...

Il discorso di insediamento del Presidente della Repubblica

Pubblichiamo integralmente il discorso del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, pronunciato dopo il suo giuramento. Il Presidente della Repubblica ha parlato al Parlamento, riunito...

David di Donatello, Mattarella: «Il cinema ha rafforzato il nostro senso civico»

Si è svolta al Palazzo del Quirinale la presentazione dei candidati ai Premi "David di Donatello" per il cinema per l'anno 2022. Durante la...

SOCIAL