I medici non possono rifiutare il vaccino Covid

Respinto il ricorso di un medico contro la sospensione dall'ordine. Per il Consiglio di Stato i dubbi sul vaccino sono infondati.

Il Consiglio di Stato ha respinto il ricorso presentato da un medico abruzzese contro la sua sospensione dall’ordine dei medici. Il medico in questione è stato oggetto di un provvedimento di sospensione per il suo rifiuto a vaccinarsi. I dubbi scientifici mossi dall’operatore sanitario sulla validità del vaccino non sarebbero dimostrati sufficientemente. Inoltre, la sua decisione metterebbe a rischio la salute del paziente, rischiando di diffondere l’infezione.

Secondo la sentenza, “la prevalenza del diritto fondamentale alla salute della collettività rispetto a dubbi individuali o di gruppi di cittadini sulla base di ragioni mai scientificamente provate, assume una connotazione ancor più peculiare e dirimente allorché il rifiuto di vaccinazione sia opposto da chi, come il personale sanitario, sia – per legge e ancor prima per il “giuramento di Ippocrate”- tenuto in ogni modo ad adoperarsi per curare i malati, e giammai per creare o aggravare il pericolo di contagio del paziente con cui nell’esercizio della attività professionale entri in diretto contatto“. 

Il decreto è stato firmato da Franco Frattini, presidente della Terza Sezione del Consiglio di Stato. Frattini sottolinea l’infondatezza dei dubbi riguardanti il vaccino anti Covid. Dubbi che persistono “malgrado l’imponente quantità di studi scientifici che indicano la netta prevalenza del beneficio vaccinale anti Covid 19. […] Soltanto la massiva vaccinazione anche ed anzitutto di coloro che entrano per servizio ordinariamente in contatto con altri cittadini, specie in situazione di vulnerabilità, rappresenta una delle misure indispensabili per ridurre, anche nei giorni correnti, la nuovamente emergente moltiplicazione dei contagi, dei ricoveri, delle vittime e di potenzialmente assai pericolose nuove varianti“.

Nessuna violazione dei diritti

In risposta alla presunta violazione dei diritti, sostenuta dal medico che ha presentato il ricorso, il Consiglio di Stato sostiene che “sarebbe incomparabilmente più grave il danno per la collettività dei pazienti e per la salute generale, rispetto a quello lamentato dall’operatore sanitario sulla base di dubbi scientifici certo non dimostrati a fronte delle amplissimamente superiori prove“. Tra le prove in questione, si fa riferimento all’erogazione di decine di milioni di vaccini solo nel nostro Paese. Secondo la sentenza, sono evidenti gli “effetti positivi delle vaccinazioni sul contrasto alla pandemia e alla sue devastanti conseguenze umane, sociali e di deprivazione della solidarietà quale principio cardine della nostra Costituzione“.

Dal 15 dicembre, l’obbligo vaccinale per i medici e per il personale sanitario sarà esteso anche alla terza dose.

redazione@likequotidiano.it

Alberto Pizzolante

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Simili

Mascherine al chiuso obbligatorie fino al 15 giugno

Un emendamento al decreto Riaperture approvato in commissione alla Camera prevede la proroga dell'utilizzo delle mascherine Ffp2 fino al 15 giugno. L'emendamento sarà inserito...

L’impatto della vaccinazione sugli effetti dell’infezione da Covid

In Italia fino al 16 novembre scorso sono state somministrate complessivamente 142.386.809 di vaccino. Lo ha comunicato l'Istituto Superiore di Sanità all'interno dell'ultimo report...

Il primo decreto del Governo Meloni

Giustizia, Rave Party e misure anti Covid-19 sono i tre temi al centro del secondo Consiglio dei Ministri del Governo Meloni. I piani del...

Covid, un ulivo a Castelporziano per ricordarne le vittime

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto dai giovani dell’Associazione Valentia un albero d’ulivo secolare, in ricordo delle vittime del covid. L'ulivo, albero...

Autismo, l’impegno dell’Istituto Superiore di Sanità

L'Istituto Superiore di Sanità ha stanziato 20 milioni di euro per iniziative dedicate alla diagnosi e al trattamento del disturbo dello spettro autistico. L'ISS...

SOCIAL