Stabile l’occupazione in Italia a gennaio 2022

Il tasso di occupazione è al 59,2%. Crescono gli occupati tra gli uomini e diminuiscono tra le donne. Il tasso di inattività sale al 35,0%.

- Advertisement -

A gennaio 2022 il numero di occupati è sostanzialmente stabile rispetto al mese precedente. I disoccupati diminuiscono e aumentano gli inattivi. Lo comunica l’ISTAT. Il risultato deriva dalla crescita del numero di occupati tra gli uomini, tra i dipendenti permanenti, tra gli under25 e tra gli ultracinquantenni e dal calo tra le donne, tra i dipendenti a termine e tra gli appartenenti alle classi d’età intermedie. Il tasso di occupazione è stabile al 59,2%.

La diminuzione del numero di persone in cerca di lavoro (-2,3%, pari a -51mila unità rispetto a dicembre) si osserva tra gli uomini e per tutte le classi d’età, con l’unica eccezione dei 35-49enni. Il tasso di disoccupazione scende all’8,8% nel complesso (-0,2 punti) e al 25,3% tra i giovani (-1,3 punti). La crescita del numero di inattivi tra i 15 e i 64 anni (+0,6%, +74mila unità) è frutto dell’aumento tra le donne e gli under50. Il tasso di inattività sale al 35,0% (+0,2 punti). Confrontando il trimestre novembre 2021 – gennaio 2022 con quello precedente, il livello di occupazione è più elevato dello 0,5%, corrispondente a 120mila occupati in più.

La crescita dell’occupazione registrata nel confronto trimestrale si associa alla diminuzione del numero di persone in cerca di occupazione (-1,8%, pari a -41mila unità) e di quello degli inattivi (-1,4%, pari a -188mila unità). Il numero di occupati a gennaio 2022 è superiore a quello di gennaio 2021 del 3,3% (+729mila unità). Tale aumento si osserva per uomini e donne, per qualsiasi classe d’età e posizione professionale. Il tasso di occupazione è più elevato di 2,4 punti percentuali. Rispetto a gennaio 2021, diminuisce sia il numero di persone in cerca di lavoro (-12,9%, pari a -326mila unità), sia l’ammontare degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-5,0%, pari a -684mila).

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Gli investimenti in cultura e lo stato dell’ambiente in Italia

Nel 2019, la spesa pubblica italiana per cultura e paesaggio è tra le più basse d’Europa in rapporto al Pil. Il dato è fermo...

Cresce ancora l’indice nazionale dei prezzi al consumo

Secondo le stime preliminari dell'ISTAT, nel mese di febbraio 2022 l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi,...

Le discriminazioni lavorative nei confronti delle persone LGBTQIA+

L'Istat e l'UNAR (Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali) hanno presentato i risultati della rilevazione condotta nel 2020-2021 sulle discriminazioni lavorative nei confronti delle persone LGBTQIA+....

Ad aprile l’export cresce dell’11,8% su base annua

Secondo i dati pubblicati dall'Istat, ad aprile 2022 l’interscambio commerciale con i paesi extra Ue27 registra un aumento congiunturale per entrambi i flussi, più...

Il Pil cresce del 3,9% nel 2022

Il Pil italiano crescerà del 3,9% nel 2022, per poi rallentare significativamente nel 2023 con una crescita stimata del +0,4%. Secondo i dati pubblicati...

SOCIAL