Il 20,1% degli italiani a rischio povertà nel 2021

Secondo l’Istat, nel 2021 il 20,1% delle persone residenti in Italia è stato a rischio di povertà. Si tratta di 11 milioni e 800 mila individui. Queste persone hanno avuto un reddito netto inferiore al 60% di quello mediano. A livello nazionale, la quota rimane stabile rispetto ai due anni precedenti (20% e 20,1% rispettivamente nel 2020 e nel 2019). Si osserva un miglioramento nel Mezzogiorno e al Centro e un aumento del rischio di povertà nel Nord.

Il 5,6% della popolazione, circa 3 milioni e 300 mila individui, si trova in condizioni di grave deprivazione materiale. Questa parte della popolazione presenta almeno quattro dei nove segnali di deprivazione individuati dall’indicatore Europa 2020. Il valore è più basso rispetto a quello dei due anni precedenti (5,9% nel 2020 e 7,4% nel 2019). L’11,7% degli individui vive in famiglie a bassa intensità di lavoro, ossia con componenti tra i 18 e i 59 anni che hanno lavorato meno di un quinto del tempo. La percentuale è in aumento rispetto all’11% dell’anno precedente e al 10% del 2019.

La popolazione a rischio di povertà o esclusione sociale, ovvero la quota di individui che si trova in almeno una delle suddette tre condizioni riferite a reddito, deprivazione e intensità di lavoro, è pari al 25,4%. Il dato è stabile rispetto al 2020 (25,3%) e al 2019 (25,6%). Il Mezzogiorno rimane l’area del Paese con la percentuale più alta di individui a rischio di povertà o esclusione sociale (41,2%), stabile rispetto al 2020 (41%) e in diminuzione rispetto al 2019 (42,2%). In questa ripartizione, aumenta la quota di individui che vivono in famiglie a bassa intensità lavorativa e diminuisce quella degli individui a rischio di povertà. La riduzione del rischio di povertà o esclusione sociale riguarda in particolare la Puglia e la Sicilia. Il dato è in sensibile aumento in Campania per l’incremento della grave deprivazione e della bassa intensità lavorativa.

Nel triennio 2019-2021 il rischio di povertà o esclusione sociale si riduce anche nel Centro (21% contro 21,6% del 2020 e 21,4% del 2019). Nel Nord-est, questo indicatore peggiora nel 2021 (14,2% rispetto al 13,2% del 2020 e del 2019), nel Nord-Ovest, il rischio di povertà o esclusione sociale riguarda il 17,1% degli individui.

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img

Simili

UE: stop alla vendita di auto benzina, diesel e GPL

Il Parlamento europeo ha approvato la proposta della Commissione europea di vietare la vendite di auto nuove a benzina, diesel e GPL dal 2035....

Mattarella: «Risposta netta per la pace in Ucraina»

Pubblichiamo il discorso pronunciato dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla sessione inaugurale della seconda Conferenza Nazionale della Cooperazione allo Sviluppo. Tra i temi...

Una legge per tutelare gli studenti universitari con DSA

L'Associazione Italiana Dislessia ha lanciato una petizione per chiedere al Governo e al Parlamento di approvare subito una legge che garantisca pari diritti e opportunità...

Sudan: iniziato il processo per il genocidio nel Darfur

Ieri è iniziato il primo processo presso la Corte penale internazionale dell’Aia per i massacri compiuti durante la guerra nel Darfur. Nella regione nell’ovest del Sudan,...

Lettera di un padre calabrese al figlio emigrato

Un padre calabrese ha dedicato una lettera al figlio partito per andare a lavorare al Nord Italia. È davvero emozionante, perché rappresenta purtroppo la...