Abracadabra: incantesimi per lo studio 5 di Irene Serini su Mario Mieli

“Nelle donne soggette al “potere” maschile, nei proletari soggetti allo sfruttamento capitalistico, nella soggezione degli omosessuali alla Norma e in quella dei neri al razzismo dei bianchi, si riconoscono i soggetti storici concreti in grado di ribaltare i piani odierni della dialettica sociale, sessuale e razziale, per il conseguimento del “regno della libertà”.

Elementi di critica omosessuale – Mario Mieli

Incantesimi di Mario Mieli, studio 5: al Teatro Elfo Puccini di Milano, con la trepidazione di un odeon greco, la sala Bausch accoglie Abracadabra, quinto e ultimo studio di Irene Serini sul filosofo e scrittore italiano, e in particolare sull’opera Elementi di critica omosessuale.

Un’opera vertiginosa, un testo a tratti pruriginoso e contraddittorio, un pensiero radicale e di fatto censurato in Italia. Mario Mieli non gode di nessuna fama nel Belpaese, eppure il suo lavoro lo pone in dialogo con maestri del calibro di Foucault; risulta pionieristico nel filone, oggi di importazione prevalentemente anglosassone, dei gender studies. Un pensiero che rifiuta perentoriamente l’esclusività della norma (come standard che esclude); che scalpita nelle categorie psicoanalitiche (psiconaziste, come direbbe lui); che pone la liberazione del desiderio come antidoto all’oppressione del potere costituito e delle sue forme.

Abracadabra, incantesimi di Mario Mieli – Studio 5

Come si coniuga questo con il teatro? Una domanda a cui solo Irene Serini sa rispondere, che con questa ultima fatica dimostra nuovamente di padroneggiare l’arte dello studio, quando in contemporanea molti studi sulle scene milanesi si limitano per lo più a una lettura imbellettata o eccentrica del testo. Al contrario, come già nello studio 4, dedicato “alla città inquinata del capitale”, nello studio 5 con Mieli si dialoga e Mieli si mostra; nel corpo degli attori come nelle loro storie.

Lo spazio scenico, di una essenzialità disarmante, è caratterizzato dalla forma geometrica del quadrato. Prosegue quindi un indirizzo rappresentativo già sfruttato nei precedenti studi con altre forme: il triangolo e il cerchio. L’espediente suggerisce da un lato quell’occulto legame tra magia e matematica (elemento tipico delle culture esoteriche); dall’altro rende visibile il concetto di perimetro, di forma, di struttura da lambire, da riempire e svuotare, attraversare, smontare, ridefinire.

A completare gli oggetti di scena una sedia, una lavagna e dei gessi, su cui scrivono e disegnano Anna Resmini e Luca Oldani. Nulla più serve a questa sapiente ensemble di attori per fare teatro. A deformare lo spazio, a dis-orientare e ri-orientare ci pensa l’apparato tecnico, le luci e i suoni che orchestra spietata e chirurgica Caterina Simonelli. Non si pensi però ad una rappresentazione asettica. Il minimalismo degli oggetti e delle linee è ampiamente riempito dalla fisicità, dalla voce e dalla interazione di tutti e quattro gli attori.

Più che ad una messa in scena, però, Abracadabra fa pensare alla costruzione di una seduta spiritica alla Artaud. Sembra interiorizzata la lezione sul teatro, “che non consiste in nulla, ma si serve di tutti i linguaggi – gesti, suoni, parole, luce, grida” e “nasce nel momento in cui lo spirito per manifestarsi ha bisogno di un linguaggio”. Così lo studio 5 “scioglie conflitti, sprigiona forze, libera possibilità”, sempre per dirla con Artaud. Fondamentale a tal proposito è la linea del gioco, essenza autentica del teatro, momento unico in cui l’adulto torna bambino (lo scherzo è adulto, il gioco è bambino, diceva qualcuno).

Gli ultimi incantesimi di Mario Mieli: lo studio 5 di Irene Serini

Ed infatti al cuore di questo studio vi è la più inopportuna e inaccettabile delle proposizioni di Mieli, quella cioè che riguarda l’educazione del bambino e della bambina. Tanto inaccettabile da risultare oggigiorno rischiosa e di fatto passibile di censura se non di autentico canceling, sebbene la nostra società si professi più libera e di più larghe vedute rispetto a quella del passato.

La vita bambina per Mieli è la vita prima dei costrutti sociali, in cui il desiderio non è ancora stato traviato dalla Norma e si presenta dunque nella sua natura essenziale, che è bisessuale o transessuale, dove per transessualità si intende “la originaria ricchezza polimorfa dell’Eros”. L’età adulta invece si fonderebbe sulla selezione dei comportamenti sociali più opportuni, e dunque sulla rimozione parziale o totale del fondo polimorfo del desiderio, della sua categorizzazione oppositiva: maschi e femmine, etero e gay. Per questo, lo studio 5 risulta il più complesso e quello in cui la Serini e i suoi fanno i conti uno alla volta e una volta per tutte con gli Elementi di critica omosessuale.

L’accoglienza del pubblico

La loro è un’opera divulgativa importante, ma anche un modo di fare teatro emozionante, che dimostra studio, rigore, qualità e che parla alla comunità. Espressione che chi scrive, lo ammette, ha origliato in sala. Ad usarla un anziano signore che, commosso dallo spettacolo, ha paragonato Abracadabra al teatro greco di Atene, quello della catarsi da vivere collettivamente, quello del “teorico”, obolo di presenza riconosciuto dalla polis ai cittadini meno abbienti che assistevano alle rappresentazioni. Forse il paragone non è per niente esagerato, considerato il torrente di applausi che ha concluso la serata, a stento contenuti dalla piccola Sala Bausch.

Federico Demitry

Info

Abracadabra – Incantesimi di Mario Mieli [Studio 5]

di Irene Serini

con Luca Oldani, Anna Resmini, Irene Serini, Caterina Simonelli

con il sostegno di residenza artistica Olinda e Teatro della Tosse, primo spettatore Fabio Cherstich

Lo spettacolo è attualmente in scena al teatro Elfo Puccini di Milano

Federico Demitry
Federico Demitry
Nato e cresciuto in provincia di Lecce, si è laureato in Lingue, letterature e culture straniere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Vive e lavora come insegnante a Milano, collaborando con diverse riviste. Si occupa principalmente di letteratura e teatro.

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img

Simili

La Svezia ha chiesto di aderire alla NATO

La ministra degli Esteri svedese, Ann Linde, ha firmato la domanda di adesione della Svezia alla NATO. Per la premier svedese, Magdalena Andersson, «la...

Kiev sotto attacco

La Federazione Russa ha avviato un attacco missilistico che sta colpendo numerose città in Ucraina. Al momento, i missili hanno colpito Kiev, Zhytomyr, Khmelnytsky,...

Elezioni: la probabile composizione del nuovo parlamento

Pubblichiamo la stima della composizione del prossimo parlamento elaborata da YouTrend per SkyTg24. Camera dei Deputati (maggioranza 201 seggi) CENTRODESTRA: 235 seggi Fratelli d'Italia118 seggiLega65 seggiForza Italia45...

Haiti: migliaia di bambini rischiano di morire per malnutrizione

Secondo quanto comunicato dall'UNICEF, un bambino su 20 che vive a Cité Soleil, ad Haiti, rischia di morire per malnutrizione acuta grave. Nelle ultime...

Sale l’occupazione, ma solo quella maschile

I nuovi dati ISTAT sul livello di occupazione in Italia a ottobre 2021 segnalano che gli occupati, in quel periodo, sono stati 22 milioni...