Miracoli metropolitani: la merda invade la città

La commedia umana e la civiltà delle fogne: Carrozzeria Orfeo presenta Miracoli metropolitani al Teatro Elfo Puccini di Milano.

- Advertisement -

Se pensate che il teatro sia elitario, vecchio, noioso, non avete mai visto uno spettacolo di Carrozzeria Orfeo. La compagnia è in cartellone al Teatro Elfo Puccini di Milano con Miracoli Metropolitani, uno di quelli spettacoli capace di conquistare diversi tipi di pubblico, dagli occasionali agli habitué, offrendo più livelli di lettura.

Miracoli metropolitani – Carrozzeria Orfeo al Teatro Elfo Puccini

Due ore circa, che raccontano le vicende intrecciate di sette personaggi, maschere di un’umanità al collasso. In uno scantinato, Plinio, cinico chef stellato, disilluso dalla vita, prepara cibo di pessima qualità per il delivery. Un business creato dalla compagna Clara, che ha trovato nelle intolleranze alimentari la sua miniera d’oro, per risalire la scala sociale e somigliare sempre di più ai suoi modelli di fama e ricchezza. Con loro il figlio Igor, ragazzo disadattato e violento, la cui energia vitale è rapita da videogiochi surreali come “Affonda l’immigrato”, e Hope, aiuto-cuoco etiope, immigrata. Completano il quadro la vecchia Patty, madre di Plinio, anziana e combattiva idealista; Mosquito, ragazzo in semi-libertà che svolge lavori socialmente utili, aspirante attore, e Cesare, insegnante fallito, aspirante suicida.

La cucina dello scantinato è il luogo dove ognuno si nasconde, perché, nelle parole di Plinio, fuori sarebbe solo un disadattato. Il mondo fuori, del resto, è l’apocalisse della nostra società. La maggior parte della gente non esce di casa, terrorizzata dalla minaccia dell’immigrazione e da uno stato che si sbriciola, motivo per cui il business del food delivery si dimostra molto redditizio. E mentre la disoccupazione è ai massimi storici, e la politica chiede a gran voce la schedatura e la deportazione in campi di protezione degli immigrati, la città è letteralmente inghiottita dalle fogne, che intasate esondano, rompendo l’asfalto e inghiottendo le auto, allagando interi quartieri.

Le fogne e la comédie humaine

La merda è ovunque, sta letteralmente per sommergere la città. La merda e il cibo liofilizzato, assi portanti delle vite dei protagonisti, sono forse la metafora di una vita umana in deflagrazione, ridotta alla sua componente biologica parassitaria, al ciclo di approvvigionamento-espulsione dell’animale. C’è la miope Clara, arroccata nelle cattedrali di abiti firmati, gioielli, fama e club esclusivi; intorno il deserto dell’escrementizio che è diventato ormai l’intero mondo, povero, sporco, puzzolente, disperato. Assuefatto alla cialtroneria e alle violenze di un modello di sviluppo che annichilisce, divide et impera.

Non si creda però che Miracoli metropolitani sia uno spettacolo tetro. Al contrario, è uno di quegli spettacoli che cerca l’empatia dello spettatore, e in cui lo spettatore risponde lasciandosi trascinare. Non ci si stupisca, dunque, di assistere ad applausi a scena aperta e risate incontrollate. Miracoli metropolitani fa riflettere, stupisce, emoziona e fa ridere, dall’inizio alla fine. Carrozzeria Orfeo recupera il gusto per l’intreccio della storia, per i colpi di scena, gioca con la psicologia dei personaggi e con la suspense. Gioca anche con i malintesi e le esagerazioni, con le musiche e le luci. Il linguaggio è a tratti scurrile, le battute sono irriverenti, perché collage di un’umanità esasperata, nutrita a tratti di luoghi comuni, ma reale, che ognuno potrà riconoscere.

Infine, Miracoli metropolitani è forse una commedia polemica, che cerca la reazione. Da sconsigliare solo, insomma, a chi risponde alla provocazione con il mutismo dello scandalo.

Info tecniche

Miracoli Metropolitani – Teatro Elfo Puccini (Milano)

drammaturgia Gabriele Di Luca
regia Gabriele Di Luca, Massimiliano Setti, Alessandro Tedeschi

con (in o.a.)
Elsa Bossi Patty
Ambra Chiarello Hope
Federico Gatti Igor
Beatrice Schiros Clara
Massimiliano Setti Cesare
Federico Vanni Plinio
Aleph Viola Mosquito/Mohamed

Ulteriori informazioni sul sito di Teatro Elfo Puccini e Carrozzeria Orfeo. Lo spettacolo Miracoli Metropolitani sarà in replica fino a marzo in diversi teatri d’Italia, tra cui Roma, Bari, Firenze e Napoli.

Federico Demitry

- Advertisement -
Federico Demitry
Federico Demitry
Nato e cresciuto in provincia di Lecce, si è laureato in Lingue, letterature e culture straniere presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore. Vive e lavora come insegnante a Milano, collaborando con diverse riviste. Si occupa principalmente di letteratura e teatro.

ADVERTISEMENT

Simili

La tempesta monumentale di Alessandro Serra

La Tempesta di Alessandro Serra: un lavoro monumentale sull'ultima fatica di William Shakespeare al Teatro Piccolo di Milano.

Il cesso di Pandora e il surrealismo dei Gordi

Il nonluogo di un bagno pubblico, il mito di Pandora, molte esistenze e il gioco della carne del mondo: tutto questo è lo spettacolo del Teatro dei Gordi.

Carne Blu: l’Orlando di Federica Rosellini al Piccolo Teatro

Federica Rosellini porta in scena al Teatro Piccolo di Milano il suo Carne Blu, tratto dall'omonimo romanzo.

Due volte Tito – Ripensare il contemporaneo

Due volte Tito - Sopravvivere alla tragedia. Al Teatro i di Milano va in scena una potente riscrittura del Tito Andronico di Shakespeare. Un lavoro giovane, acuto, nuovo che invita a ripensare il contemporaneo e il rapporto con la nostra cultura.

Affori, Milano: La notte poco prima delle foreste

Affori, Milano: nella Sala Colonne di Villa Litta la compagnia Punto Teatro Studio ha portato in scena Les passantes, esito del laboratorio su La notte poco prima delle foreste di Bernard-Marie Koltès.

SOCIAL