Bucha, la versione della Federazione Russa

Secondo istituzioni e media russi, la strage di Bucha è "una fake news costruita dall'Ucraina per avere più armi dall'Occidente".

Cadaveri nelle fosse comuni e per le strade, segni di tortura e bambini utilizzati come scudi: a Bucha, secondo le Istituzioni occidentali, la Federazione russa ha commesso dei crimini di guerra. “Una fake news costruita dall’Ucraina per avere più armi dall’Occidente“. Questo, in sintesi, il commento delle autorità e dei media russi sulle terribili immagini provenienti da Bucha.

Secondo il ministero della Difesa russo, “tutte le fotografie e i materiali video pubblicati dal regime di Kiev, che mostrano una sorta di ‘crimini’ da parte del personale militare russo nella città di Bucha, nella regione di Kiev, sono un’altra provocazione. Durante il periodo in cui Bucha era sotto il controllo delle forze armate russe, nessun residente locale ha subito azioni violente“. L’agenzia di stampa russa Ria Novosti precisa che precisa che “le Forze armate colpiscono solo le infrastrutture militari e le truppe ucraine. Entro il 25 marzo hanno completato i compiti principali della prima fase. Hanno ridotto significativamente il potenziale di combattimento dell’Ucraina. L’obiettivo principale del dipartimento militare russo era la liberazione del Donbass“.

La propaganda sulla legittimità del video

Secondo il canale televisivo russo Tsargrad, nei video provenienti da Bucha “ci sono cadaveri che si muovono e vi è la mano delle Forze armate ucraine. Si vede un cadavere che si siede e i corpi sembrano essere disposti deliberatamente per creare un’immagine più drammatica. Ora che i nostri militari, insieme alle forze delle repubbliche di Donetsk e Lugansk, sono concentrati nella liberazione del Donbass, l’esercito ucraino ha l’opportunità di creare un altro fake, come è stato col ‘bombardamento dell’ospedale pediatrico’ a Mariupol, già smascherato. Inoltre, ci sono tracce di attacchi con munizioni al fosforo, usate dalle Forze ucraine contro il nostro esercito. Il consigliere del presidente ucraino, Mikhail Podolyak, sta utilizzando una fake news per richiedere armi ai partner occidentali“.

Il presentatore TV Vladimir Soloviev ha scritto che “Le truppe russe non hanno controllato completamente Bucha per un solo giorno durante questo mese e mezzo. I nostri militari hanno lasciato la zona alcuni giorni prima che venissero scoperte le ‘vittime dell’occupazione’ e i cadaveri che si vedono, per le condizioni in cui versano, devono essere stati uccisi al più tardi ieri. È necessario condurre un’indagine che indichi l’ora della morte degli sfortunati e che riveli i dati in possesso della Nato sull’ora esatta del ritiro delle truppe russe. Questo solo in caso si volesse cercare la verità, ma in Occidente a chi serve la verità?“.

Fact-checking

Il canale Twitter Aurora Intel ha pubblicato una parte del video in questione invertendo i colori. Questo consente di avere un’immagine più chiara della presunta mano in movimento. Guardando il video, è evidente che la presenza di una macchia bianca in movimento. Questa è una goccia d’acqua nel parabrezza. La macchia, infatti, si trovi nella stessa posizione rispetto all’auto tra un fotogramma e l’altro. In alcuni fotogrammi, la macchia “si muove” ad una distanza significativa dal cadavere. Non si tratta, quindi, di una mano o di un braccio. Per ciò che riguarda gli altri presunti cadaveri in movimento, la visione di diversi video e delle fotografie scattate in orari diversi consente di stabilire l’immutabilità della posizione dei corpi.

Articoli Simili

Related articles