Emergenza scuola, l’abbandono scolastico è al 13,1%

In Italia, nel 2020 l'abbandono scolastico ha colpito 543 mila giovani. In Europa il tasso è del 9,9%. Forti le differeze socio-economiche.

- Advertisement -

Da settimane gli studenti italiani degli istituti d’istruzione superiore sono in mobilitazione. Tra le richieste avanzate al Governo, vi è quella di contrastare l’abbandono scolastico. Molto preoccpante è l’ultimo report dell’ISTAT sui livelli di istruzione e partecipazione alla formazione, relativo al 2020. In Italia, nel 2020 la quota di giovani che hanno abbandonato gli studi precocemente è pari al 13,1%, per un totale di circa 543 mila giovani. In Unione Europea, il dato è del 9,9%.

Nell’UE, l’abbandono scolastico è misurato dalla quota di soggetti con età compresa tra i 18 e i 24 anni che, in possesso al massimo di un titolo secondario inferiore, è fuori dal sistema di istruzione e formazione (ELET). L’Unione Europea ha fissato il valore target europeo al 10%, ridotto al 9% entro il 2030. In Italia, l’abbandono scolastico colpisce maggiormente i ragazzi (15,6%) rispetto alle ragazze (10,4%).

Nel 2020, l’abbandono degli studi prima del completamento del sistema secondario superiore o della formazione professionale riguarda il 16,3% dei giovani nel Mezzogiorno. Il dato è dell’11,0% al Nord e dell’11,5% nel Centro. Tra i giovani con cittadinanza non italiana, il tasso di abbandono precoce degli studi è più di tre volte superiore a quello degli italiani: 35,4% contro 11,0%. L’incidenza di abbandoni precoci tra gli stranieri nati all’estero varia molto a seconda dell’età di arrivo in Italia. Tra quelli arrivati entro i 9 anni di età, la quota è pari al 19,7%. Sale al 33,4% tra coloro che sono giunti tra i 10 e i 15 anni. Raggiunge il 57,3% per chi è entrato in Italia tra i 16 e i 24 anni.

La condizione socio-economica delle famiglie

L’abbandono degli studi prima del diploma riguarda il 22,7% dei giovani i cui genitori hanno al massimo la licenza media, il 5,9% di quelli che hanno genitori con un titolo secondario superiore e il 2,3% dei giovani con genitori laureati. Se i genitori esercitano una professione non qualificata o non lavorano, gli abbandoni scolastici sono più frequenti (intorno al 22%). Si riducono se la professione del padre o della madre è altamente qualificata o impiegatizia (3% e 9%, rispettivamente).

Alberto Pizzolante

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Il Pil cresce nel terzo trimestre 2022

Secondo l'Istat, nel terzo trimestre del 2022 si stima che il prodotto interno lordo (Pil) sia aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e...

Il sistema di protezione delle donne vittime di violenza

Secondo l'Istat, nel 2020 è aumentato il numero sia dei Centri antiviolenza (CAV) sia delle Case rifugio per le donne vittime di violenza. Sono...

Il Pil diminuisce dello 0,2% nel primo trimestre

Nel primo trimestre del 2022 il prodotto interno lordo (Pil), corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è diminuito dello 0,2% rispetto al...

Occupazione al 59,1% nel quarto trimestre 2021

L'ISTAT ha pubblicato il rapporto sul mercato del lavoro nel quarto trimestre 2022. L'occupazione è stata del 59,1%. Nel periodo di riferimento l’input di...

Una proposta di legge sugli studenti-artisti

Il direttore d'orchestra e parlamentare del Partito Democratico Michele Nitti ha depositato una proposta di legge sugli studenti-artisti. La proposta riguarda gli studenti contemporaneamente...

SOCIAL