L’impatto della Dad sugli studenti delle scuole secondarie

Il 70,2% degli studenti delle scuole secondarie ha trovato più faticoso seguire le lezioni in Dad. Diminuiscono i rapporti interpersonali.

- Advertisement -

L’Istat ha intervistato un ampio campione di alunni delle scuole secondarie di primo e secondo grado nell’anno scolastico 2020-2021 per cogliere i cambiamenti che le misure di contenimento della pandemia hanno portato nella vita degli studenti. La quasi totalità degli alunni ha sperimentato la didattica a distanza (Dad). Il 67,7% di loro preferisce le lezioni in presenza. Il distanziamento sociale ha causato un crollo nella frequentazione degli amici. Essa è diminuita per il 50,5% degli alunni. Al contrario è aumentato il ricorso a chat e social media per comunicare per il 69,5% dei ragazzi.

Il 70,2% degli studenti delle scuole secondarie ha trovato più faticoso seguire le lezioni a distanza. Il 49,0% dei ragazzi ha sentito molto la mancanza dei compagni di scuola e il 50,9% ha avuto problemi di connessione a internet a casa. I ragazzi stranieri hanno dovuto gestire situazioni logistiche più complesse durante la Dad. In particolare, molti di loro hanno condiviso la stanza con fratelli e sorelle: erano soli nella stanza l’87,7% degli italiani e l’81,4% degli stranieri che, nel 13,7% dei casi, si trovavano con fratelli e sorelle.

Se il 67,7% dei ragazzi preferisce la didattica in presenza, solo il 20,4% ritiene uguali le due tipologie di didattica e l’11,9% predilige la Dad. Emerge una lieve differenza di genere: sono le ragazze a sostenere di più la didattica in presenza (69,5%) rispetto ai ragazzi (66,1%). Le differenze si riscontrano anche tra alunni italiani (il 68,3% di essi preferisce le lezioni in presenza) e stranieri (il dato è fermo al 60,3%). Tra gli alunni stranieri è anche opinione più diffusa che la didattica a distanza abbia influenzato negativamente i voti dell’anno scolastico 2020/2021 (34,2% degli stranieri contro 25,7% degli italiani). Una quota non trascurabile di alunni italiani e stranieri segnala anche un peggioramento della situazione economica della famiglia (29,4%).

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Il Pil cresce nel terzo trimestre 2022

Secondo l'Istat, nel terzo trimestre del 2022 si stima che il prodotto interno lordo (Pil) sia aumentato dello 0,5% rispetto al trimestre precedente e...

Occupazione al 59,1% nel quarto trimestre 2021

L'ISTAT ha pubblicato il rapporto sul mercato del lavoro nel quarto trimestre 2022. L'occupazione è stata del 59,1%. Nel periodo di riferimento l’input di...

Mascherine al chiuso obbligatorie fino al 15 giugno

Un emendamento al decreto Riaperture approvato in commissione alla Camera prevede la proroga dell'utilizzo delle mascherine Ffp2 fino al 15 giugno. L'emendamento sarà inserito...

Il mercato del lavoro nel II trimestre 2022

Secondo l'Istat, nel secondo trimestre 2022 l’input di lavoro, misurato dalle ore lavorate, è aumentato dell’1,3% rispetto al trimestre precedente e del 5,1% rispetto...

Il sistema di protezione delle donne vittime di violenza

Secondo l'Istat, nel 2020 è aumentato il numero sia dei Centri antiviolenza (CAV) sia delle Case rifugio per le donne vittime di violenza. Sono...

SOCIAL