In Tigray gli ospedali sono stati costretti a chiudere

Il blocco di forniture e di aiuti umanitari in Tigray ha costretto l'ospedale di Adigrat e l'Ayder Referral Hospital a cessare le attività.

- Advertisement -

L’Ayder Referral Hospital a Mekellé, in Tigray, ha cessato la sua attività. Lo ha riferito un servizio di Tigray TV. L’ospedale rimarrà attivo solo per i casi di emergenza. La causa principale del blocco è la mancanza di carburante e il conseguente blackout elettrico. I medici dell’Ayder Referral Hospital hanno riferito all’agenzia Reuters che la mancanza di forniture è provocata dal blocco degli aiuti umanitari. Già nel gennaio 2022 i medici dell’Ayder avevano lanciato un appello per poter continuare a salvare vite.

«Firmare i certificati di morte è diventato il nostro lavoro principale», hanno affermato i medici dell’ospedale. Il portavoce del governo etiope ha dichiarato che «Quello che sta accadendo in Tigray attualmente è di esclusiva responsabilità del TPLF». Ha accusato il partito Tigray People’s Liberation Front di aver saccheggiato attrezzature e medicinali in più di una dozzina di ospedali e 100 centri sanitari. Un medico dell’Ayder Referral Hospital ha dichiarato che l’80-90% degli ospedali e delle cliniche del Tigray non funzionano. Le Nazioni Unite affermano che oltre il 90% dei 5,5 milioni di persone nella regione ha bisogno di assistenza umanitaria e 400.000 persone vivono in carestia. L’ospedale di Adigrat il 29 maggio 2022 è stato costretto ad interrompere le sue attività per mancanza di materiale e farmaci.

Il blocco degli aiuti

Venerdì 25 marzo 2022 il governo dell’Etiopia ha dichiarato una tregua umanitaria a tempo indeterminato con effetto immediato nella regione settentrionale del Tigray. Secondo il Governo, la tregua umanitaria avrebbe consentito «il libero flusso di aiuti umanitari a coloro che necessitano di assistenza». Ad aprile 2022, l’Ufficio Affari esteri del Governo del Tigray ha comunicato che, in due settimane, solo 26 camion di forniture sono giunti nell’area.

A causa della guerra, in Tigray hanno perso la vita 1.911 studenti e 235 tra insegnanti, presidi e personale di supporto. In totale, sono deceduti 2146 membri della comunità educativa.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

In Russia crolla il consenso attorno alla guerra

Oggi il Corriere della Sera ha pubblicato un sondaggio realizzato il 23 giugno 2022 da Vciom, una società sondaggistica controllata dal governo della Federazione...

L’ONU chiede 1,7 miliardi di dollari per la crisi umanitaria in Ucraina

Le Nazioni Unite hanno lanciato oggi un appello d’emergenza per un totale di 1,7 miliardi di dollari. La somma è necessaria per fornire urgentemente...

Iran: donna uccisa per aver indossato male il velo

Mahsa Amini, una donna di 22 anni, è morta in Iran dopo essere in seguito ad un arresto effettuato dalla polizia perché non indossava...

In Tigray da sedici mesi è in corso un genocidio

Un terribile disastro umanitario è in corso in Tigray, una regione settentrionale dell'Etiopia. Un genocidio che avviene in una regione lontana da noi, per...

Energia e gas, “dal Governo soluzioni anacronistiche”

Legambiente, Greenpeace Italia e WWF Italia hanno presentato al Governo italiano dieci proposte per ridurre il consumo nazionale di gas di 36 miliardi di metri cubi entro...

SOCIAL