Le catastrofiche inondazioni in Africa centrale e occidentale

L’UNHCR, l’Agenzia ONU per i rifugiati, ha lanciato l’allarme sull’aumento delle necessità di assistenza per oltre 3,4 milioni di persone sfollate e per le comunità che le ospitano a causa delle recenti inondazioni in Nigeria, Chad, Niger, Burkina Faso e Camerun.

La Nigeria sta affrontando le peggiori inondazioni dell’ultimo decennio. In centinaia hanno perso la vita, ci sono più di 1,3 milioni di sfollati e secondo le stime dell’ONU le persone colpite sono oltre 2,8 milioni. Nel nord-est del Paese l’acqua ha invaso i siti di accoglienza per gli sfollati interni e i villaggi negli stati di Borno, Adamawa e Yobe. Gli abitanti sono stati costretti a fuggire sulle alture.

Il governo del Chad ha dichiarato lo stato di emergenza dopo che le inondazioni hanno colpito più di 1 milione di persone. Nel sud le piogge intense hanno causato lo straripamento dei fiumi Chari e Logone, che hanno sommerso i campi, ucciso il bestiame e costretto più di 90.000 persone a fuggire e a cercare rifugio a N’Djamena. In Camerun, più di 63.000 persone sono state colpite dallo straripamento dei due fiumi nei distretti di Kousseri, Zina, Makari, Blangoua e Logone Birni.

In Burkina Faso 379.500 sfollati interni vivono nelle zone colpite dalle inondazioni. Nel 2022, 41.000 persone hanno subito gli effetti delle inondazioni in Mali. In Niger 32.000 persone sono vittime delle inondazioni. Gli sfollati sono 13.000.

L’impegno dell’UNHCR

L’UNHCR e i suoi partner hanno fornito 14.900 teloni cerati e 550 kit con utensili domestici essenziali in Nigeria. «Il legame tra lo choc climatico e la fuga di persone è evidente e in aumento», ha dichiarato l’Agenzia ONU per i Rifugiati. «L’aggravarsi degli choc climatici nel Sahel in particolare hanno provocato siccità e inondazioni, diminuito i raccolti e contribuito a un deterioramento generale dei servizi pubblici in una delle peggiori crisi di sfollamento mondiali. Le temperature nel Sahel (Niger, Mali e Burkina Faso) stanno aumentando 1,5 volte più in fretta della media globale. Questo aggrava le difficoltà che gli stati affrontano nella gestione di una popolazione in rapida crescita e dell’intrusione di attori armati non statali».

«Al di fuori del Sahel, assistiamo alla peggiore siccità degli ultimi 40 anni e alla minaccia della carestia nel Corno d’Africa, a una devastante stagione dei cicloni in Mozambico e ad alluvioni di portata storica in Sud Sudan e in Sudan per il quarto anno consecutivo. Nel 2022 i fenomeni climatici estremi nel continente africano hanno ucciso centinaia di persone e costretto migliaia alla fuga dalle loro case. Le operazioni umanitarie in Africa centrale e occidentale soffrono di una cronica e pericolosa mancanza di finanziamenti. Nel Ciad è arrivato solo il 43% dei fondi necessari all’UNHCR per il 2022. Le operazioni in Burkina Faso nel 2022 sono finanziate solo per il 42%. Con meno di due mesi alla fine dell’anno, UNHCR ha ricevuto il 39% dei fondi necessari in Nigeria e il 53% in Niger».

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img

Simili

Rassegna parlamentare: 6-26 marzo

L’evento più importante di queste settimane è stato sicuramente il videocollegamento del presidente Zelensky con il Parlamento italiano. Accordi europei Nel giorno 16 marzo la Camera...

Suicidio assistito, autorizzato l’utilizzo del farmaco

Un paziente tetraplegico, immobilizzato da 10 anni, ha ottenuto il via libera all'utilizzo di un farmaco per effettuare il suicidio assistito. Lo ha comunicato...

Dalle Alpi all’Etna, l’arrivo in Sicilia

Più di 1200 sono i chilometri percorsi da Roberto Schettino, in sella alla sua bicicletta, dall'inizio del tour Dalle Alpi all'Etna. L'obiettivo è quello...

Nasce l’Osservatorio sui danni da lavoro minorile

"Come UNICEF Italia avvieremo l’istituzione di un Osservatorio per la prevenzione dei danni alla salute da lavoro minorile sia regolare, sia illegale. Lo faremo...

Guerra in Tigray: il ruolo dell’Unione Africana

In occasione della Giornata dell'Africa, la Global Society of Tigray Scholars and Professionals (GSTS) invita tutti gli africani a dire no al genocidio sul...