Elezioni in Francia: il sistema elettorale

Giornata di elezioni presidenziali in Francia. Un approfondimento sul funzionamento del sistema elettorale francese.

- Advertisement -

Giornata di elezioni presidenziali in Francia. Le urne sono aperte dalle 8 e chiuderanno alle 19 in provincia e alle 20 a Parigi e in altre grandi città. Sono 48,7 milioni gli elettori registrati, cioè il 95% della popolazione francese con diritto di voto. Sono 12 i candidati in corsa. Il ballottaggio si terrà, con gli stessi orari, domenica 24 aprile.

In Francia, il capo dello Stato è eletto a suffragio universale diretto, a scrutinio uninominale maggioritario a due turni. È eletto il candidato che ha ricevuto la maggioranza assoluta dei voti. Il mandato del presidente dura cinque anni ed è rinnovabile una sola volta. Ogni cittadino francese maggiorenne può candidarsi raccogliendo 500 firme di rappresentanti eletti, cioè deputati, senatori, sindaci, consiglieri comunali e regionali o presidenti di dipartimenti. Il Presidente nomina il capo del governo, può sciogliere l’Assemblée Nationale e può indire un referendum. Il Presidente è il capo delle forze armate e può autorizzare un attacco nucleare. Egli ratifica i trattati internazionali e accredita gli ambasciatori.

Le spese della campagna elettorale non devono superare i 17 milioni di euro al primo turno e i 23 milioni di euro al ballottaggio. Possono esserci donazioni da parte dei partiti politici o da individui fino ad un massino, in questo caso, di 4.600 euro. Aziende ed enti stranieri non possono finanziare la campagna elettorale. Una percentuale della spesa è rimborsata dallo Stato. Il requisito per ottenere un rimborso è l’aver ottenuto almeno il 5% dei voti espressi al primo turno. Nelle due ultime settimane di campagna elettorale, i media devono rispettare il principio di “uguaglianza”, cioè lo spazio concesso ad un candidato deve essere uguale, dal punto di vista temporale, a quello concesso agli altri, al di là dei sondaggi.

Le previsioni sulle elezioni in Francia

Secondo il sondaggio Elabe il presidente uscente, Emmanuel Macron, de La République En Marche (centro), è in testa con il 26% dei voti. Marine Le Pen, del Rassemblement National (destra nazionalista e sovranista), è al 25%. Jean-Luc Mélenchon, della France Insoumise (sinistra radicale), è al 17,5%.

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Mafia: arrestato candidato di Fratelli d’Italia a Palermo

La Polizia di Stato ha arrestato il candidato al Consiglio Comunale di Palermo Francesco Lombardo, di Fratelli d’Italia. Lombardo è stato intercettato in un...

Elezioni amministrative: i risultati aggiornati dai seggi

Dopo aver pubblicato le proiezioni di RAI e LA7, pubblichiamo i dati effettivi delle elezioni amministrative provenienti direttamente dal Ministero dell'Interno. L'affluenza alle elezioni...

Un ddl per vietare la rieleggibilità del presidente della Repubblica

I senatori del Partito Democratico Dario Parrini, Luigi Zanda e Gianclaudio Bressa hanno depositato un disegno di legge costituzionale per vietare la rieleggibilità del presidente...

Brasile: Lula e Bolsonaro al ballottaggio

Il 30 ottobre, il Brasile sarà chiamato ad eleggere il nuovo presidente al ballottaggio. Luiz Inácio Lula da Silvia, leader del Partido dos trabhladores...

Quirinale, disfatta del centrodestra

Fumata nera anche nella quinta votazione per l'elezione del Presidente della Repubblica. Maria Elisabetta Alberti Casellati ha ottenuto 382 voti. Il quorum necessario per...

SOCIAL