Eugenio Scalfari, il primo editoriale su L’Espresso

«Comprendere la realtà fuori da ogni pregiudizio e da ogni interesse particolare, rivelandone obiettivamente tutti gli aspetti».

- Advertisement -

Nel ricordare Eugenio Scalfari, maestro del giornalismo italiano, pubblichiamo il primo editoriale da egli pubblicato una volta assunta la direzione de L’Espresso. La testata fu fondata da Arrigo Benedetti ed Eugenio Scalfari nel 1955. Nel 1963, Scalfari ne divenne il direttore.

«Nel momento in cui assumo la direzione dell'”Espresso” non credo sia necessario riaffermare la fedeltà del giornale ad una linea politica e ad uno stile professionale ormai collaudati dal tempo, né tracciare programmi per il futuro. I nostri atteggiamenti sono quelli che derivano dai motivi per i quali, nell’ottobre del 1955, “L’Espresso” nacque e dall’azione che esso ha condotto fino ad ora. Ne ha già parlato la settimana scorsa, nel dare l’annuncio del cambiamento di direzione, Arrigo Benedetti con la sobrietà che gli è propria tutte le volte che egli sia obbligato a parlare di sé o delle cose che per larghissima parte si riconducono a lui. A quanto Benedetti ha detto posso solo aggiungere qualche riga.

“L’Espresso” cominciò le pubblicazioni nel momento del più chiuso centrismo, in una situazione politica stagnante e apparentemente senza avvenire, guidata da una classe dirigente insensibile ad ogni critica, ad ogni opinione indipendente e non conformista. Eppure, mai come allora l’opinione pubblica era inquieta, desiderosa di nuovi stimoli e di certe verità.

Per corrispondere a quelle aspettative e a quei bisogni nacque “L’ Espresso”, oserei dire assai più evocato dai suoi futuri lettori che non imposto ad essi dall’iniziativa di un gruppo di giornalisti e di intellettuali. L’obiettivo che si propose non fu soltanto d’affermare la possibilità ed anzi la necessità d’una politica diversa da quella tradizionale. Al di là d’un programma politico ci fu il tentativo di comprendere la realtà fuori da ogni pregiudizio e da ogni interesse particolare, rivelandone obiettivamente tutti gli aspetti, fossero essi piacevoli o spiacevoli, edificanti o miserabili.

In otto anni di lavoro Arrigo Benedetti ha messo insieme per il suo giornale questo patrimonio, ed è questo patrimonio che oggi vogliamo continuare ad amministrare e ad arricchire.»

- Advertisement -
Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

ADVERTISEMENT

Simili

Perquisizioni della DIA ai giornalisti di Report

Gli agenti dalla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta, su mandato della Procura, hanno eseguito una perquisizione nell'abitazione dell'inviato di Report, Paolo Mondani. Gli uomini della DIA hanno...

Caso Richetti: l’analisi della replica di Fanpage.it

Il 15 settembre scorso la testata giornalistica Fanpage.it ha pubblicato il racconto di una donna che sarebbe stata molestata da un senatore della Repubblica italiana. Fanpage.it...

Verso la nascita di un nuovo partito ecologista

La nascita di un nuovo partito ecologista è sempre più vicina. Una fonte interna al gruppo parlamentare europeo Verdi/ALE ritiene che, entro circa sei...

«L’Unione europea non è un incidente della Storia». Di David Sassoli

Ad un anno dalla sua scomparsa, ricordiamo il Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli pubblicando integralmente il suo discorso di insediamento alla presidenza dell'istituzione....

Perquisizioni a Report: le motivazioni della Procura

Nella giornata di ieri, gli agenti dalla Direzione investigativa antimafia di Caltanissetta hanno eseguito delle perquisizioni nell’abitazione dell’inviato di Report, Paolo Mondani. La perquisizione ha riguardato atti in...

SOCIAL