giovedì, Luglio 18, 2024

Messico, giornalisti uccisi mentre erano sotto la protezione dello Stato

In Messico metà degli attacchi contro i giornalisti proviene da funzionari dello stato. La denuncia di Amnesty International.

Condividi

Secondo quanto sostiene Amnesty International in Messico, negli ultimi sette anni, sono stati uccisi otto giornalisti registrati presso il Meccanismo per la protezione dei difensori dei diritti umani e dei giornalisti. Un dato che, secondo una ricerca di Amnesty e del Comitato per la protezione dei giornalisti, indica che quel sistema federale di protezione non funziona bene.

Il Meccanismo è nato nel 2012, dopo anni di pressioni da parte della società civile messicana. Il suo obiettivo sarebbe proteggere i difensori dei diritti umani e i giornalisti sottoposti a gravi minacce e attacchi a causa del loro lavoro. Il Messico è lo stato più pericoloso dell’emisfero occidentale per i giornalisti: il Comitato per la protezione dei giornalisti lo documenta dal 1992. Dall’inizio del XXI secolo, i giornalisti uccisi sono stati perlomeno 141, almeno 61 dei quali per motivi direttamente legati al loro lavoro.

L’impunità è la norma. Secondo l’Indice globale dell’impunità, prodotto dal Comitato per la protezione dei giornalisti, il Messico è nei primi dieci posti per numero di casi irrisolti di giornalisti assassinati. Sempre secondo il Comitato per la protezione dei giornalisti, il Messico è lo stato col più alto numero di giornalisti scomparsi al mondo. Ciononostante, non c’è stata neanche una condanna nei confronti dei responsabili.

Oltre agli omicidi e alle sparizioni, i giornalisti messicani subiscono costanti aggressioni, intimidazioni, minacce fisiche e psicologiche da parte di funzionari statali e dei gruppi della criminalità organizzata. La maggior parte delle minacce e degli attacchi scatta quando i giornalisti scrivono di imprese criminali, della militarizzazione della cosiddetta “guerra alla droga” e di corruzione. Lo stesso Meccanismo è arrivato alla conclusione che metà degli attacchi contro i giornalisti proviene da funzionari dello stato.

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Sullo stesso argomento

Simili

Dello stesso autore