Iran: donna uccisa per aver indossato male il velo

Mahsa Amini, una donna di 22 anni, è morta in Iran dopo essere in seguito ad un arresto effettuato dalla polizia perché non indossava correttamente il velo. Alcune ciocche di capelli non erano coperte dallo hijab. Alcuni testimoni hanno riferito che Mahsa Amini è stata picchiata mentre si trovava all’interno di un veicolo della polizia. Secondo quanto riferito dal fratello della vittima, la donna è stata arrestata lo scorso 13 settembre e portata in caserma per una “lezione di rieducazione” su come indossare correttamente lo hijab. Dopo diverso tempo, il fratello ha sentito delle grida provenire dall’interno della caserma. Subito dopo, la vittima è stata trasportata in coma in ospedale. È morta dopo tre giorni

Secondo Amnesty International, la donna «è stata arrestata in modo arbitrario dalla cosiddetta polizia della moralità». L’associazione ha accusato la polizia dell’Iran di aver torturato Mahsa Amini durante la detenzione. Il presidente iraniano, Ebrahim Raisi, ha chiesto al ministero dell’Interno di aprire un’inchiesta. Jake Sullivan, consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca, ha dichiarato: «Siamo profondamente preoccupati per la morte della 22enne Mahsa Amini, picchiata sotto custodia dalla polizia della moralità. La sua morte è imperdonabile. Continueremo a ritenere i funzionari iraniani responsabili per questi abusi dei diritti umani».

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img

Simili

Jerry Lee Lewis: i primi passi

Ferriday, Louisiana, 29 settembre 1935. L’estate ha ceduto il passo all’autunno da una settimana. La piccola cittadina situata sulle rive del Missisipi al confine centro...

Dalle Alpi all’Etna, prima tappa

È iniziata ieri dalle Alpi all'Etna, la nuova impresa di Roberto Schettino. Il 44enne di Pordenone ha come obiettivo quello di percorrere più di...

Strage a Mariupol: bombardato un teatro

Il teatro d’arte drammatica di Mariupol, nel sud dell'Ucraina, è stato bombardato. L'edificio era utilizzato come rifugio. Secondo fonti ucraine, il bombardamento sarebbe stato...

Covid, un ulivo a Castelporziano per ricordarne le vittime

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha ricevuto dai giovani dell’Associazione Valentia un albero d’ulivo secolare, in ricordo delle vittime del covid. L'ulivo, albero...

Fabio Ridolfi ha scelto la sedazione profonda

«Da due mesi la mia sofferenza è stata riconosciuta come insopportabile. Ho tutte le condizioni per essere aiutato a morire. Ma lo Stato mi...