Marco Damilano lascia la direzione dell’Espresso

Marco Damilano si è dimesso dopo aver appreso della decisione di vendere la testata su Twitter. Il Comitato di Redazione annuncia lo sciopero.

Come comunicato dalla testata sul proprio sito internet, il giornalista Marco Damilano ha lasciato la direzione dell’Espresso. In una lettera ai lettori, Damilano ha comunicato di avere scritto una mail all’ingegnere John Elkann, presidente del gruppo Gedi, per comunicare la decisione di lasciare la direzione dell’Espresso, dopo quattro anni e mezzo. Lo ha fatto dopo aver appreso, su Twitter, che il gruppo proprietario della testata intende vendere la stessa. Una decisione non comunicata né al direttore Damilano né al Comitato di Direzione.

Mentre i giornali tradizionali perdono copie, lettori, peso politico, credibilità, fiducia, la categoria dei giornalisti fatica a parlarne – scrive Damilano – si attarda nella difesa di quote di mercato sempre più ridotte. Gli editori tendono a scaricare le colpe della crisi sui costi industriali della produzione. Il mondo imprenditoriale, intellettuale e politico non riesce a inquadrare il tramonto della stampa italiana all’interno di una questione più importante, perché tocca da vicino la tenuta delle istituzioni democratiche“.

Si pensa di risolvere la situazione rincorrendo le nuove opportunità offerte dal digitale – ha scritto il giornalista – come in altri parti del mondo. Anche in Italia ci sono imprese che stanno dimostrando di saper affrontare con successo le sfide della transizione. Ma non si può farlo immaginando di perdere la propria identità. L’anima, il carattere di una testata. È una scorciatoia che disorienta il pubblico e che prima o poi si dimostra illusoria“.

Le motivazioni

Spiegando nel merito le motivazioni della sua scelta, Marco Damilano spiega che “si vuole far pagare al solo Espresso l’assenza di strategia complessiva. Ho appreso della decisione di vendere L’Espresso da un tweet di un giornalista, due giorni fa, mercoledì pomeriggio. Ho chiesto immediati chiarimenti all’amministratore delegato Maurizio Scanavino, come ho sempre fatto in questi mesi. Mesi di stillicidio continuo, di notizie non smentite, di voci che sono circolate indisturbate e che hanno provocato un grave danno alla testata. Non mi sono mai nascosto le difficoltà. Ho più volte offerto la mia disponibilità in prima persona a trovare una soluzione per L’Espresso, anche esterna al gruppo Gedi, che offrisse la garanzia che questo patrimonio non fosse disperso. Ma le trattative sono proseguite senza condivisione di un percorso, fino ad arrivare a oggi, alla violazione del più elementare obbligo di lealtà e di fiducia.

“Il Paese rischia di diventare più fragile nella libertà di stampa”

La cessione dell’Espresso, in questo modo e in questo momento, rappresenta un grave indebolimento del primo gruppo editoriale italiano. È una decisione che recide la radice da cui è cresciuto l’intero albero e che mette a rischio la tenuta dell’intero gruppo. È una pagina di storia del giornalismo italiano che viene voltata senza misurarne le conseguenze. Di più: L’Espresso è un pezzo di storia dell’intero Paese. Un Paese che rischia di diventare ancora più fragile in una funzione essenziale, la libertà di stampa, l’autonomia del giornalismo dai poteri, il ruolo critico di controllo verso chi governa le strutture politiche, economiche, finanziarie.

[…] Mi è stata offerta la possibilità di restare, ringrazio, ma non posso accettare per elementari ragioni di dignità personale e professionale. Non è una questione privata, spero che tutto questo serva almeno a garantire all’Espresso un futuro e ad aprire un dibattito serio sul ruolo dell’informazione nel nostro Paese. Ho cercato sempre di fermare una decisione che ritengo scellerata. Mi sono battuto in ogni modo, fino all’ultimo giorno, all’ultima ora. Ma quando il tempo è scaduto e lo spettacolo si è fatto insostenibile, c’è bisogno che qualcuno faccia un gesto, pagando anche in prima persona. Lo faccio io. Lo devo al mestiere che amo, il giornalismo. E soprattutto lo devo alla mia coscienza.

La nota del Comitato di Redazione

La redazione dell’Espresso condivide pienamente le motivazioni delle dimissioni del direttore Marco Damilano, a cui esprime la sua totale solidarietà e che ringrazia per questi quattro anni insieme. Esponendosi in prima persona, Marco Damilano ha dato risalto a una ‘decisione scellerata’ che impoverisce il gruppo Gedi e l’intero panorama dell’informazione italiana. Recidere L’Espresso, la radice da cui è nato questo gruppo editoriale, mette a rischio la tenuta di tutta l’azienda. […] Noi giornalisti continueremo a difendere l’identità, l’anima e il ruolo civile, politico e culturale della nostra testata. Per questo la redazione è da oggi in stato di agitazione, e proclamerà le giornate di sciopero necessarie per impedire l’uscita del numero dell’Espresso attualmente in lavorazione.

Articoli Simili

Related articles