domenica, Giugno 23, 2024

Il racconto di Roya Heshmati, frustata 74 volte per una foto senza hijab

Roya Heshmati, una donna iraniana di 33 anni, ha ricevuto una condatta a 74 frustate per "attentato ai pubblici costumi". Le sue parole.

Condividi

Roya Heshmati, una donna iraniana di 33 anni, ha ricevuto una condatta a 74 frustate per “attentato ai pubblici costumi”. La condanna, eseguita il 3 gennaio scorso, è stata causata dalla pubblicazione da parte della donna, sui suoi profili social, di una foto che la ritraeva senza l’hijab indumento che, secondo la legge islamica, è obbligatorio indossare. Roya Heshmati è un’attivista che si oppone all’obbligo dell’hijab, vigente in Iran. È stata lei stessa a raccontare come sia stata eseguita la condanna: un’agente donna le ha messo con la forza un foulard sulla testa; dopodiché, un agente uomo l’ha frustata sulle spalle, sulla schiena, sulle natiche e sulle gambe.

L’organizzazione per i Diritti umani Hengaw ha tradotto in inglese le parole di Roya Heshmati, condivise sulla sua pagina Facebook con l’hashtag Jin, Jiayn, Azadi (donna, vita, libertà). Successivamente, le parole dell’attivista sono state tradotte in italiano da NdC. Le pubblichiamo integralmente.

Il racconto di Roya Heshmati

Questa mattina ho ricevuto una telefonata dall’ufficio per l’esecuzione della sentenza di 74 frustate. Ho contattato subito il mio avvocato e insieme ci siamo recati al tribunale del settimo distretto. All’ingresso ho scelto di togliermi l’hijab. All’interno della sala, dalle scale proveniva l’eco dell’angoscia di una donna, che forse indicava l’imminente esecuzione della sentenza. Il mio avvocato mi ha consigliato: «Roya, ripensaci. Le ripercussioni delle frustate dureranno a lungo».

Ci siamo recati alla prima sezione dell’ufficio per l’esecuzione della sentenza. Un’impiegata mi ha suggerito di indossare il velo per evitare problemi. Con calma e rispetto, ho detto che ero venuta apposta per le frustate e che non avrei ceduto. Quando è giunto il funzionario incaricato, mi ha ordinato di indossare l’hijab e di seguirlo. Con fermezza ho dichiarato che non avrei indossato l’hijab. Ha minacciato di frustarmi con più forza, e di denunciarmi di nuovo, aggiungendo così altre settantaquattro frustate. Ho mantenuto la mia posizione e non ho indossato l’hijab.

Siamo scesi, e avevano portato alcuni giovani per accuse legate all’alcol. Il funzionario mi ha ripetuto con severità: «Non ti avevo detto di indossare l’hijab?». Non mi sono adeguata. Due donne che indossavano il chador si sono avvicinate e mi hanno calcato un foulard sulla testa. Ho resistito, togliendolo ripetutamente, ma loro hanno insistito. Ammanettandomi da dietro, hanno continuato a infilarmi un hijab sulla testa. Abbiamo proseguito fino al piano terra, utilizzando le stesse scale dove era stata portata la donna. In fondo al parcheggio ci attendeva una stanza. Il giudice, l’ufficiale dell’esecuzione e la donna che indossava il chador erano in piedi accanto a me. La donna sembrava visibilmente colpita, sospirando più volte ed esprimendo comprensione, dicendo: «Lo so. Lo so».

Il giudice mi ha sorriso, ricordando un personaggio di Boofe Kur. Ho distolto lo sguardo da lui. Si è aperta, cigolando, una porta di ferro, rivelando una stanza con pareti di cemento. In fondo alla stanza c’era una branda dotata di manette e bande di ferro saldate su entrambi i lati. Al centro della stanza si trovava un dispositivo di ferro che assomigliava a un grande cavalletto, completo di posti per le manette e di un anello di ferro arrugginito al centro. Inoltre, dietro la porta erano posizionati una sedia e un tavolino con una serie di frustini. Sembrava una camera di tortura medievale completamente attrezzata.

Il giudice ha chiesto: «Sta bene? Non ha problemi?». Poiché non stava parlando con me, rimasi in silenzio. Poi ha detto: «Parlo con lei, signora!». Ancora una volta, ho scelto di non rispondere. Il boia mi ha ordinato di togliermi il cappotto e di sdraiarmi sul letto. Ho appeso il cappotto e l’hijab alla base della branda di ferro. Lui ha insistito: «Mettiti l’hijab!». Ho risposto con fermezza che non l’avrei fatto. «Metti il Corano sotto il braccio e fai quello che devi fare». La donna ha esortato: «Per favore, non essere testarda». Ha preso l’hijab e me lo ha messo a forza.

L’uomo ha recuperato una frusta di cuoio nero dalla collezione dietro la porta e l’ha avvolta due volte intorno alla mano mentre si avvicinava alla branda. Il giudice aveva raccomandato di non colpire troppo forte. L’uomo ha cominciato a colpirmi le spalle, la schiena, i fianchi e le gambe. Non ho contato i colpi. Dentro di me cantavo:

«In nome della donna,
in nome della vita,
i vestiti della schiavitù sono strappati,
la nostra notte nera lascerà il posto all’alba,
e tutte le fruste saranno tagliate…».

Il calvario si è concluso. Ho voluto esser certa che non percepissero alcun dolore da parte mia. Siamo saliti nella stanza del giudice. Un’agente donna mi seguiva, attenta al mio hijab. Me lo sono tolto davanti alla porta del giudice. Mi ha implorato di indossarlo, ma ho resistito. All’interno dell’aula del giudice, egli ha riconosciuto il disagio per il caso, ma ha insistito che quello che doveva essere fatto andava fatto. Ho scelto il silenzio. Lui ha suggerito di vivere all’estero per una vita diversa. Io ho affermato il nostro impegno nella resistenza, sottolineando l’universalità di questo Paese. Lui ha insistito sul rispetto della legge e io ho esortato la legge a svolgere il suo ruolo mentre noi continuiamo a resistere.

Siamo usciti dalla stanza. Grazie, caro signor Tatai (il suo legale, ndr), per la sua compagnia, che rende questi giorni difficili più sopportabili. Le porgo le mie scuse per non essere una cliente ideale; sono certo che comprenderà. Grazie di tutto.

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Sullo stesso argomento

Simili

Dello stesso autore