Dalle Alpi all’Etna, l’arrivo in Sicilia

Resoconto dal 30 dicembre all'uno gennaio del tour di Roberto Schettino Dalle Alpi all'Etna. Raggiunta la Sicilia.

Più di 1200 sono i chilometri percorsi da Roberto Schettino, in sella alla sua bicicletta, dall’inizio del tour Dalle Alpi all’Etna. L’obiettivo è quello di percorrere più di 1400 chilometri, da Pordenone a Palermo, in bici. Like Quotidiano sta seguendo il tour Dalle Alpi all’Etna, che ha come fine il sostegno al CRO (centro di riferimento oncologico) di Aviano e all’associazione PIER – Pura Energia d’Amore. Il 24 dicembre, giorno della partenza, Schettino ha raggiunto Adria. Il giorno dopo, si è fermato a Rimini. Il 29 dicembre, Roberto era a Melfi. Pubblichiamo il diario di viaggio dal 30 dicembre all’1 gennaio.

Giovedì 30 dicembre: sono partito alle 5 del mattino da Melfi. Ho incontrato un po’ di nebbia. A metà strada tra Melfi e Potenza, il tempo è migliorato. A Brianza, in provincia di Potenza, ho forato per la terza volta la camera d’aria della ruota del carrellino. Un furgone si è fermato a chiedermi se volessi una mano e ho chiesto un passaggio per tornare indietro. Avevo bisogno di nastro per riparare la parte interna del cerchio, altrimenti la testa del raggio avrebbe forato nuovamente la camera d’aria. Sono stato accompagnato fino a Tito, un paese situato tra Potenza e Brianza. Da lì ho preso un treno e sono ritornato a Potenza. Ho recuperato la camera d’aria e ho preso un treno da Potenza fino a Casalbuono. Sto raggiungendo Maratea. Spero di arrivare a Palermo tra circa due giorni e mezzo.

Venerdì 31 dicembre: sono partito da Praia a Mare e ho raggiunto Tropea. È stata una giornata all’insegna del caldo, con picchi di 16 gradi. Ho visto addirittura la gente in spiaggia a prendere il sole! La ruota del carrellino si è nuovamente bucata, poco prima di Lamezia. Ho cambiato la camera d’aria. A Tropea ho acquistato due camere d’aria di scorta. Mancano 383 chilometri all’arrivo. Domani spero di superare Messina. Sono veramente stanco, ho voglia di ritornare a casa. Ho diversi dolori ed entrambi i tendini d’Achille infiammati. Il peso del carrellino si è fatto sentire. Ho percorso 1126 chilometri in tutto.

sabato 1 gennaio: ho raggiunto Messina. Non me la son sentita di proseguire fino a Milazzo perché c’è stato molto vento. Quella di oggi è stata una tappa veramente pesante. Ci sono stati diversi strappi di montagna che mi hanno tagliato le gambe. Ho avuto diverse crisi di fame, la gente per strada si fermava credendo che stessi male.

L’associazione PIER – Pura energia d’Amore promuove e finanzia “Per incanto“. Si tratta di un progetto artistico per aiutare i piccoli pazienti a vincere la paura. Il bunker e la sala della tomoterapia del CRO di Aviano diventeranno un bosco incantato, un luogo magico ricco di colori e di emozioni. Puoi effettuare una donazione tramite PayPal o inviando un bonifico a: CREDIFRIULI Gemona del Friuli IBAN: IT 36 I070 8563 8800 0000 0038 922.

Articoli Simili

Related articles