Mozambico: 1 milione di persone fuggite in cinque anni

In questi giorni ricorre il quinto anniversario dallo scoppio dei conflitti nella provincia di Cabo Delgado, nel nord del Mozambico. Secondo l’UNHCR, i conflitti hanno costretto quasi 1 milione di persone a fuggire. L’Agenzia ONU per i Rifugiati chiede la fine della violenza. Inoltre, invita la comunità internazionale a fornire aiuto per ridurre le sofferenze della popolazione costretta alla fuga e delle comunità locali ospitanti nel nord del Mozambico.

I residenti nelle regioni interessate dai conflitti in Mozambico hanno assistito all’uccisione, alla decapitazione e allo stupro dei loro cari e all’incendio delle loro case e delle altre infrastrutture. Gruppi armati hanno arruolato con la forza uomini e ragazzi. Come rilevato dall’UNHCR, i mezzi di sussistenza sono andati perduti, l’istruzione si è fermata e l’accesso a beni di prima necessità come cibo e assistenza sanitaria è stato ostacolato. A cinque anni di distanza, secondo l’Agenzia ONU la situazione umanitaria a Cabo Delgado ha continuato a deteriorarsi. Il numero di persone costrette alla fuga è aumentato del 20%, raggiungendo i 946.508 nella prima metà di quest’anno. Il conflitto si è ora esteso alla vicina provincia di Nampula. La provincia, a settembre, ha subito quattro attacchi da parte di gruppi armati. Gli attacchi hanno colpito almeno 47.000 persone e ne hanno costretto alla fuga 12.000.

L’UNHCR sta fornendo alloggi e articoli per la casa, aiutando i sopravvissuti alla violenza di genere con supporto legale, medico e psicosociale e sostenendo le persone in fuga ad ottenere la documentazione legale. Il mese scorso, l’UNHCR e i suoi partner hanno condotto la prima missione di valutazione della protezione a Palma, nell’estremo nord-est del Paese. Palma è stata teatro di scontri nel marzo 2021. Violenze che hanno fatto fuggire la maggior parte dei 70.000 abitanti del distretto. L’UNHCR è preoccupata per i rischi che corrono le persone che continuano a tornare nelle loro aree di origine ancora non sicure.

A settembre 2022, la somma di 36,7 milioni di dollari richiesti dall’UNHCR per fornire servizi di protezione e assistenza salvavita era finanziata solo al 60%.

Alberto Pizzolante
Alberto Pizzolante
Nato in provincia di Lecce nel 1997, si è laureato in Filosofia presso l'Università Vita-Salute San Raffaele di Milano. Dirige likequotidiano.it.

Discover

Sponsor

spot_imgspot_img

Simili

Zelensky ai russi: «Sarete uccisi uno per uno»

Il presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha comunicato che la città di Lyman è completamente libera dalle truppe russe. Rivolgendosi ai cittadini della Federazione russa,...

Ucraina, attaccata la più grande centrale nucleare europea

L'esercito russo ha preso il controllo della centrale nucleare di Zaporizhzhia, nella città di Enerhodar, sulle sponde del bacino idrico di Kachovka sul fiume Dnepr....

In Tigray gli ospedali sono stati costretti a chiudere

L’Ayder Referral Hospital a Mekellé, in Tigray, ha cessato la sua attività. Lo ha riferito un servizio di Tigray TV. L’ospedale rimarrà attivo solo per...

Il gruppo GEDI venderà L’Espresso a BFC Media

Il Gruppo GEDI ha accettato una proposta dalla società L’Espresso Media srl per l’acquisto dei rami d’azienda relativi al settimanale L’Espresso e alle Guide...

Sergio Mattarella è stato rieletto Presidente della Repubblica

Sergio Mattarella è stato rieletto Presidente della Repubblica. Il Presidente della Camera dei Deputati, Roberto Fico, ha appena letto la 505esima scheda con il...